Consob - www.consob.it
I FONDI SOVRANI E LA REGOLAZIONE DEGLI INVESTIMENTI NEI SETTORI STRATEGICI

N. 3 - luglio 2012
JEL Classifications: G15, G38 e F21 

Simone Alvaro
(s.alvaro@consob.it)

CONSOB, Divisione Studi, Ufficio Studi Giuridici 

Paola Ciccaglioni
(p.ciccaglioni@consob.it)

CONSOB, Divisione Studi, Ufficio Studi Giuridici 
download paper

download paper paper N. 3 (pdf)
Abstract

I Fondi Sovrani si sono affermati come uno dei principali investitori istituzionali sul mercato dei capitali mondiale. A fine 2011 gestivano assets per circa 4.600 miliardi di dollari USA, pari a circa il 6% del PIL mondiale; una stima per largo difetto del peso delle partecipazioni dei Fondi Sovrani sulla capitalizzazione dei mercati azionari dei principali paesi europei è pari a circa il 3%. In Italia oltre un terzo delle società quotate è partecipato da Fondi Sovrani, mentre questa percentuale è compresa fra il 15 e il 25% circa nei maggiori paesi europei. A partire dal 2005, i Fondi Sovrani hanno progressivamente diversificato il proprio portafoglio e aumentato la quota degli investimenti azionari. I Fondi hanno, inoltre, tentato di scalare alcune importanti società negli USA e in Europa e ciò ha accresciuto i timori dei Governi circa le possibili finalità strategiche degli investimenti dei Fondi medesimi. Vi sono evidenze che è essenzialmente a causa di questi timori che gli USA e molti Paesi europei hanno introdotto normative a difesa dei settori strategici. Il lavoro analizza in particolare le discipline introdotte in Francia, Germania e ultimamente in Italia, nel quadro dei vincoli posti dalla disciplina comunitaria relativamente alle deroghe previste per le limitazioni alla libera circolazione dei capitali.


ISSN 2281-3098 [online]

© All rights reserved - Consob - Risoluzione 800x600