Newsletter


Notiziario settimanale - anno XXV - N° 42 - 2 dicembre 2019

Le notizie della settimana:
- > Comunicazioni Consob a tutela dei risparmiatori
- > Comunicazioni a tutela dei risparmiatori di altre autorità
- > Lo “schema Ponzi” torna in palcoscenico a Roma Appuntamento il 6 dicembre a Testaccio
- > Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza: Consob avvia una consultazione con il mercato
- > Aumento di capitale Juventus Football Club Spa
- > Ipo Sanlorenzo Spa: Consob autorizza il prospetto di quotazione

Le decisioni della Commissione assunte nel corso della settimana
Avvertenza: i provvedimenti adottati dalla Consob sono pubblicati nel Bollettino dell'Istituto e, quando previsto, anche nella Gazzetta Ufficiale. Le notizie riportate in questo notiziario rappresentano una sintesi dei provvedimenti di maggiore e più generale rilevanza e pertanto la loro diffusione ha il solo scopo di informare sull'attività della Commissione.

- LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA -

torna al sommario

Consob ha ordinato l'oscuramento di 6 siti web che offrono abusivamente servizi finanziari.

L'autorità si è avvalsa dei poteri derivanti dal "decreto crescita" (legge n. 58 del 28 giugno 2019, articolo 36, comma 2-terdecies), in base ai quali Consob può ordinare ai fornitori di servizi di connettività a internet di inibire l'accesso dall'Italia ai siti web tramite cui vengono offerti servizi finanziari senza la dovuta autorizzazione.

Di seguito l'elenco delle società e dei siti:

  • Orion Consulting Ltd (www.kapitalswiss.com);
  • CapitalTechFX (https://capitaltech24.com);
  • Game Capital Ads Limited (https://360worldbtc.com e https://it.360worldbtc.com);
  • Maximus Global Markets Ltd (https://evolutionbrokers.com);
  • ActivBroker Ltd (https://activbroker.com).

Sale così a 94 il numero dei siti oscurati da luglio scorso, da quando cioè Consob ha acquisito il potere di ordinare l’oscuramento dei siti. I provvedimenti con i quali è stato ordinato alle suddette società la cessazione dell'attività abusiva sono consultabili sul sito www.consob.it.

Sono in corso le attività di oscuramento dei siti da parte dei fornitori di connettività a internet, che operano sul mercato italiano. Per motivi tecnici l'oscuramento effettivo potrà richiedere alcuni giorni.

La Consob richiama l’attenzione dei risparmiatori sull’importanza di prestare la massima attenzione al fine di effettuare in piena consapevolezza le scelte di investimento, focalizzandosi su quei comportamenti di comune buon senso – come ad es. verificare che l’operatore con cui si investe sia autorizzato - che sono imprescindibili se si vuole davvero salvaguardare e, magari, far fruttare il proprio risparmio.

A tal fine Consob ricorda che sul sito www.consob.it è presente in homepage la sezione “Occhio alle truffe!”, ove sono presenti informazioni utili a mettere in guardia l’investitore contro gli operatori abusivi.

torna al sommario

Le autorità di vigilanza di Regno Unito (Financial Conduct Authority - Fca), Hong Kong (Securities Futures Commission - Sfc), Spagna (Comisión Nacional del Mercado de Valores - Cnmv), Austria (Financial Market Authority - Fma), Lussemburgo (Commission de Surveillance du Secteur Financier - Cssf), Francia (Authorité des Marchés Financiers - Amf), British Columbia (British Columbia Securities Commission - Bcsc), Ontario (Ontario Securities Commission - Osc) e Svizzera (Swiss Financial Market Supervisory Authority - Finma) segnalano le società e i siti web che stanno offrendo servizi di investimento, finanziari e assicurativi senza le previste autorizzazioni.

Segnalate dalla Fca:

  • Axitrader (www.axitrfx.com) clone della società autorizzata AxiCorp Limited (ww.axitrader.co.uk);
  • Overstone Management (www.overstonemanagement.co.uk) con sede dichiarata a Dublino, clone della società autorizzata Overstone Ucits Fund Plc;
  • Castle Trust Private Bank (https://castle-trustprivatebank.com) con sede dichiarata ad Amsterdam, clone della società autorizzata Castle Trust Capital PLC (www.castletrust.co.uk) con sede a Londra;
  • One Plus Finance (www.oneplusloans.com) con sede dichiarata a Manchester, clone della società autorizzata Fidelity Works Ltd (www.fidelity-works.co.uk) con sede a Londra;
  • Tamweel Capital Limited (www.tamweelcapitallimited.com), clone della società autorizzata Tamweel Capital Ltd (www.tamweelcapital.com) con sede a Londra;
  • Nelson Braithwaite Investments (www.nelsonbraithwaite.com) con sede dichiarata a Dublino, clone della società autorizzata NBI Investments Ltd;
  • Credit Suisse (UK) Limited (e-mail: info@credit-suisseuk.com; info@credit-suisseag.co.uk) con sede dichiarata a Londra, clone della società autorizzata Credit Suisse (UK) Limited (www.credit-suisse.co.uk);
  • Credit Suisse Securities (e-mail: advisors@creditsuisse-eu.com) clone della società autorizzata Credit Suisse Securities (Europe) Ltd (www.credit-suisse.co.uk);
  • JP Morgan Asset Management (www.jpmorganpc.com, www.jpmorgan-pc.com), clone delle società autorizzate J.P. Morgan Europe Ltd e J.P. Morgan Investment Management Inc;
  • Aproch Bank (www.aprochbank.com) con sede dichiarata negli Stati Uniti, clone della società autorizzata Barclays Bank PLC;
  • Societe Generale Asset Management (www.societegenerale-am.com) con sede dichiarata a Londra, clone della società autorizzata Societe Generale Asset Management Alternative Investments SA.

Segnalate dalla Sfc:

  • Altrice Investment Co. Limited;
  • Fu Tai Securities;
  • www.byqh.hk;
  • Asia-Europe Wealth Link Commodity Exchange Center.

Segnalate dalla Cnmv:

  • https://alycoin.net;
  • https://alycoin.org;
  • Muller Enterprise Ltd (www.aurumprofin.cc / www.aurumpro.co / www.aurumpro.io);
  • The Billions Enterprise (http://fxtvglobal.com);
  • Terra Finance / Terrafinance Inc (https://terra-finance.cc / https://terra-finance.co);
  • Capital Markets Point 24 / CMP24 (www.cmp24.com) già oggetto di delibera Consob n. 20911 del 2.5.2019 (v. “Consob Informa” n. 16/19 del 6.5.2019) e, successivamente, di ordine ai fornitori di servizi di connettività a internet di oscuramento del sito (v. “Consob Informa” n. 32/2019 del 23.9.2019).

Segnalate dalla Fma:

  • Trusted Invest (https://trusted-invest.com) con sedi dichiarate in Lussemburgo, Gran Bretagna, Francia, Stati Uniti;
  • Apollos Capital (www.apolloscapital.com);
  • Cobra CFD Ltd (www.cobracfd.biz) con sede dichiarata alle Isole Marshall. La società è stata oggetto di delibera Consob n. 21030 del 3.9.2019 (v. “Consob Informa” n. 30/2019), di delibera Consob n. 21143 del 13.11.2019 (v. “Consob Informa” n. 40/2019) e, successivamente, di ordine ai fornitori di servizi di connettività a internet di oscuramento del sito;
  • Wantage One AB (e-mail: nfo@wantageone.com / support@wantageone.com) con sede dichiarata a Stoccolma:

Segnalate dalla Cssf:

  • www.rbctrade.io con sede dichiarata in Lussemburgo;
  • Irico SA (www.iricosa.com) con sede dichiarata in Belize, già segnalata dalla Fsma (v. “Consob Informa” n. 41/19).

L’autorità di vigilanza lussemburghese (Cssf) avvisa, inoltre, i risparmiatori che il logo e il nome dell’ente creditizio di diritto lussemburghese regolarmente autorizzato “Banque et Caisse d’Erpagne de l’Etat Luxembourg” vengono utilizzati fraudolentemente su alcuni social media in pubblicità per proporre offerte di finanziamento ed investimento.

Segnalata dalla Amf:

  • Holakredit (www.holakredit.com) quale società non è autorizzata ad offrire consulenza in materia di crowdfunding.

L’autorità di vigilanza francese (Authorité des Marchés Financiers – Amf) avvisa altresì i risparmiatori che alcuni siti web propongono di acquistare azioni della società La Française des Jeux senza le previste autorizzazioni.

Segnalate dalla Bcsc:

  • Astrofx24 (www.astrofx24.com) con sede dichiarata in Gran Bretagna;
  • Blue Sail Trading (www.bluesailtrading.com) con sede dichiarata a Panama.

Segnalata dalla Osc:

  • Global Options Trade Inc. / Julien Dupree (www.globaloptionstrade.com) con sede dichiarata a Zurigo (Svizzera).

Segnalata dalla Finma:

  • Private Investment con sede dichiarata a Ginevra.

torna al sommario

Consob porta nuovamente in scena lo “schema Ponzi”, da un secolo a questa parte uno dei più diffusi modelli di truffa finanziaria.

L’appuntamento è fissato a Roma il 6 dicembre prossimo alle ore 12.30 all'interno della Area Expo Consumatori nell’ex mattatoio di Testaccio.

È uno spettacolo di educazione finanziaria, in cui intrattenimento e formazione (edutainment) si incontrano in una pièce teatrale che trae spunto dalla figura di Charles Ponzi, l’avventuriero italiano, che all’inizio del Novecento emigrò negli Stati Uniti in cerca di fortuna. Ma anziché trovare la fortuna, Ponzi condusse una vita di espedienti e di stenti, che lo portò ad entrare e uscire di galera più volte, fin quando ottenne il suo effimero momento di gloria, di notorietà e di ricchezza grazie ad una truffa finanziaria, poi diventata nota come “schema Ponzi”.

Nella sua rete caddero circa 40.000 risparmiatori di Boston attratti dalla prospettiva di rendimenti altissimi, ma del tutto irrealistici. Il castello di carte crollò quando, dopo soli pochi mesi, Ponzi non fu più in grado di mantenere le sue promesse di rendimento costruite sull'inganno. Per lui si aprirono di nuovo le porte della galera.

Dall’autobiografia di Ponzi, scritta in carcere, Consob ha ricavato una sceneggiatura teatrale, che è alla base dello spettacolo “Occhio alle Truffe!”. A distanza di un secolo lo "schema Ponzi" è ancora oggi di grande attualità. La maggior parte delle truffe finanziarie, via web o via telefono, si basa, infatti, su quello stesso modello.

L’evento torna in scena a Roma dopo aver fatto tappa in varie città d’Italia, tra cui Lecce, Roma, Milano, Isernia, Reggio Emilia, Torino, Padova, Palermo e Cagliari.

torna al sommario

Consob ha avviato una consultazione pubblica sul Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza (PTPCT) 2020-2022.

La consultazione, della durata di trenta giorni, è finalizzata alla raccolta di eventuali osservazioni sul Piano da parte degli stakeholder esterni.

La legge n. 190/2012, insieme al Piano Nazionale Anticorruzione e ai relativi aggiornamenti intervenuti negli anni, prescrive che il documento di programmazione delle attività in materia di anticorruzione, ossia il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza, sia adottato in ciascun anno dalla “autorità di indirizzo politico-amministrativo” dell’amministrazione, su proposta del Responsabile della Prevenzione della Corruzione e delle Trasparenza (RPCT).

Al PTPCT la normativa assegna il compito di definire gli obiettivi strategici in materia di prevenzione della corruzione e della trasparenza e le correlate azioni strategiche per il loro raggiungimento.

La Consob, nell'ambito delle iniziative e delle attività condotte in materia di trasparenza e degli interventi per la prevenzione e il contrasto della corruzione, su proposta del Responsabile Anticorruzione, deve, quindi, approvare entro il 31/01/2020il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione (PTPC) 2020-2022. Il documento posto in consultazione costituisce la versione aggiornata del Piano e contiene l’illustrazione i) degli esiti del monitoraggio effettuato sull’attuazione di quanto previsto dal Piano già pubblicato; ii) delle attività svolte nel 2019; iii) di iniziative programmate per il prossimo triennio.

I cittadini e tutte le associazioni o altre forme di organizzazioni portatrici di interessi collettivi sono invitati a presentare proposte e/o osservazioni finalizzate ad una migliore individuazione delle misure di prevenzione della corruzione, di cui la Consob terrà conto per il PTPCT 2020-2022.

Le osservazioni possono essere trasmesse, entro e non oltre il 27 dicembre 2019 ore 12.00, al seguente indirizzo di posta elettronica: rpct@consob.it.

Il documento posto in consultazione è disponibile sul sito www.consob.it nell’apposita sezione dedicata al PTPCT (Autorità trasparente): http://www.consob.it/web/area-pubblica/altri-contenuti-corruzione.

torna al sommario

Consob ha approvato il prospetto informativo in formato tripartito (documento di registrazione, nota di sintesi e nota informativa) relativo all'offerta pubblica e all’ammissione alle negoziazioni sull’Mta di azioni ordinarie di nuova emissione della Juventus Football Club Spa.

La Juventus è una società di calcio professionistico il cui core business consiste nella partecipazione alle competizioni calcistiche nazionali e internazionali. I principali proventi della società derivano dalla commercializzazione dei diritti audiovisivi e media, dagli accordi di sponsorizzazione e pubblicità, dai ricavi da gare, dalla gestione dei diritti dei calciatori, dalla vendita di prodotti a marchio Juventus, dalle royalties riconosciute dal technical sponsor per le vendite di prodotti co-branded e dalle attività di licensing del marchio Juventus per quelle categorie merceologiche escluse dal contratto con il technical sponsor.

I soggetti che possiedono direttamente o indirettamente una partecipazione superiore al 5% del capitale sociale dell’emittente, rappresentato da azioni con diritto di voto, sono Exor (63,8%) e Lindsell Train Ltd (11,3%) . Ai sensi dell’articolo 93 del Tuf, l’emittente è quindi controllata di diritto da Exor, a sua volta controllata da Giovanni Agnelli B.V., holding della famiglia Agnelli.

L’aumento di capitale si inserisce nelle azioni previste dal piano di sviluppo approvato dal consiglio di amministrazione del 20 settembre 2019.

Il 26 novembre 2019, il consiglio di amministrazione ha esercitato la delega conferita dall’assemblea straordinaria del 24 ottobre 2019, e, in particolare, ha deliberato di avviare l’operazione di aumento del capitale sociale, a pagamento e in via scindibile, per un controvalore complessivo massimo di 299.911.355,04 euro, mediante emissione di massime 322.485.328 nuove azioni, prive di indicazione del valore nominale, aventi le medesime caratteristiche delle azioni già in circolazione e godimento regolare, da offrire in opzione agli azionisti dell’emittente nel rapporto di 8 nuove azioni ogni 25 azioni possedute, al prezzo di offerta di 0,93 euro per nuova azione, da imputarsi 0,01 euro a capitale sociale e 0,92 euro a sovrapprezzo.

Il periodo di opzione decorre dal 2 al 18 dicembre 2019 (estremi inclusi). I diritti di opzione saranno negoziabili in Borsa dal 2 al 12 dicembre 2019. Diritti di opzione non esercitati entro il termine del periodo di opzione saranno offerti in borsa dall’emittente entro il mese successivo alla fine del periodo di opzione, per almeno cinque giorni di mercato aperto. Le date di inizio e di chiusura dell’offerta in Borsa verranno diffuse al pubblico mediante apposito avviso.

La comunicazione dei risultati definitivi dell’offerta sarà effettuata entro cinque giorni lavorativi dal termine dell’offerta in Borsa, mediante apposito comunicato.

Il socio di maggioranza dell’emittente, Exor, ha assunto l’impegno irrevocabile e incondizionato, non garantito, alla sottoscrizione della quota di propria spettanza che ammonta a circa 191,2 milioni di euro. Il 26 novembre 2019, l’emittente ha sottoscritto con i garanti (in qualità di joint global coordinators e joint bookrunners) il contratto di underwriting, ai sensi del quale questi ultimi si sono impegnati, disgiuntamente tra loro e senza vincolo di solidarietà, a sottoscrivere le nuove azioni eventualmente rimaste inoptate al termine dell’offerta in Borsa fino all’importo massimo complessivo di 108,7 milioni di euro (controvalore massimo complessivo dell’aumento di capitale detratta la quota oggetto dell’impegno di sottoscrizione Exor).

Le nuove azioni saranno ammesse alle negoziazioni sull’Mta, al pari delle azioni Juventus in circolazione alla data del prospetto.

torna al sommario

Consob ha approvato il prospetto relativo all’ammissione alle negoziazioni delle azioni ordinarie Sanlorenzo Spa sul Mercato telematico azionario (Mta) organizzato e gestito da Borsa Italiana Spa.

Borsa Italiana ha rilasciato il provvedimento di ammissione a quotazione sull’Mta delle azioni di Sanlorenzo il 26 novembre scorso.

Il gruppo Sanlorenzo è specializzato nella produzione di yacht e superyacht caratterizzati da un elevato livello di personalizzazione.

Accanto al core business di produzione e vendita di imbarcazioni nuove l’emittente offre ai clienti già armatori di yacht un servizio di ritiro in permuta delle imbarcazioni usate, di cui gestisce la successiva vendita. Il core business del gruppo è organizzato in tre divisioni: 1) «yacht» produzione di yacht in materiale composito di lunghezza compresa tra 24-38 mt; 2) «superyacht» produzione di imbarcazioni in alluminio e acciaio di lunghezza compresa tra 40-68 mt, e 3) «bluegame» business derivante dall’acquisizione dell’omonima società nel corso del 2018, attiva nella produzione di sport utility yacht in composito di lunghezza compresa tra 13-21 mt. L’emittente commercializza le proprie imbarcazioni su scala globale, sia in maniera diretta sia tramite concessionari che utilizzano il marchio Sanlorenzo.

Il principale azionista dell’emittente è l’azionista venditore (Holding Happy Life Srl), che detiene il 93,690% del capitale sociale, mentre le rimanenti partecipazioni sono di proprietà di Marco Viti (2,00%), Ferruccio Rossi (2,00%), Carla Demaria (1,00%) e Tommaso Vincenzi (0,500%) nonché di Segesta Srl (0,560%) e di Luchi Fiduciaria Srl (0,250%).

Sanlorenzo è quindi controllata di diritto, ai sensi dell’articolo 2359, comma 1, del c.c. e dell’articolo 93 Tuf, dall’azionista venditore Holding Happy Life Srl, a sua volta controllata da. Massimo Perotti, Presidente esecutivo della stessa Sanlorenzo.

L’operazione, finalizzata all’ammissione alle negoziazioni sull’Mta segmento Star delle azioni ordinarie di Sanlorenzo, sarà preceduta da un’offerta rivolta esclusivamente a investitori istituzionali e pertanto non è prevista alcuna offerta al pubblico.

Costituiscono oggetto dell’offerta massime 11.000.000 di azioni, per un controvalore complessivo massimo di 209 milioni di euro, calcolato sulla base del prezzo massimo indicativo. È inoltre prevista la concessione, da parte dell’azionista venditore, dell’opzione greenshoe ai coordinatori dell’offerta.

Le azioni oggetto dell’offerta sono rivenienti:

(i) per un massimo di 4.500.000 azioni, dall’aumento di capitale, con esclusione del diritto di opzione, tramite il quale Sanlorenzo intende rimborsare l’indebitamento finanziario;

(ii) per un massimo di 6.500.000 azioni, dalla vendita da parte dell’azionista venditore.

Le azioni oggetto dell’offerta rappresenteranno complessivamente circa il 35,1% del capitale sociale dell’emittente.

La determinazione del prezzo di offerta delle azioni avverrà tramite il meccanismo c.d. dell’open price. Il prezzo di offerta sarà determinato dalla società e dall’azionista venditore, previa consultazione con i coordinatori dell’offerta, al termine del periodo di offerta.

L’intervallo di valorizzazione indicativa del capitale economico della società, ante aumento di capitale a servizio dell’offerta, è compreso tra 480milioni di euro e 570 milioni di euro, pari a 16 euro per azione e a 19 euro per azione.

Il prezzo di offerta sarà reso noto mediante pubblicazione di apposito avviso sul sito internet della società entro cinque giorni dal termine del periodo di offerta e trasmesso contestualmente alla Consob.

Il collocamento istituzionale ha avuto inizio il 27 novembre e terminerà 5 dicembre 2019, salvo proroga o chiusura anticipata da rendersi nota tramite comunicato stampa da pubblicarsi sul sito internet dell’emittente.

Sanlorenzo, con l’offerta, intende acquisire lo status di società quotata al fine di ottenere una maggiore visibilità tra i leader mondiali del settore della nautica da diporto di lusso, nonché di dare maggiore trasparenza ai meccanismi gestionali.

Il prospetto riporta nel capitolo "fattori di rischio" gli elementi di rischiosità relativi all’emittente e al gruppo ad esso facente capo, al settore in cui gli stessi operano e agli strumenti finanziari oggetto di quotazione.

torna al sommario

LE DECISIONI DELLA COMMISSIONE ASSUNTE O RESE PUBBLICHE NEL CORSO DELLA SETTIMANA
(i documenti immediatamente disponibili nel sito sono evidenziati tramite link; gli altri provvedimenti saranno disponibili nei prossimi giorni)

Prospetti
  • Approvato il prospetto relativo all’ammissione alle negoziazioni delle azioni ordinarie Sanlorenzo Spa sull’Mta, organizzato e gestito da Borsa Italiana Spa (decisione del 28 novembre 2019).
  • Approvato il prospetto relativo all'offerta pubblica e all’ammissione alle negoziazioni sull’Mta di azioni ordinarie di nuova emissione della Juventus Football Club Spa (decisione del 27 novembre 2019).
Contrasto all’abusivismo (art. 7-octies Tuf)
Errata corrige: Con riferimento alla Comunicazione Consob a tutela dei risparmiatori pubblicata in “Consob Informa”n. 36/2019 relativa all’ordine ai fornitori di servizi di connettività a internet di inibire l'accesso dall'Italia, tra gli altri, al sito web (www.fxsuit.com), si fa presente che il sito è riconducibile alla società Salvax Ltd (e non Salvalax Ltd).

torna al sommario

CONSOB INFORMA (Reg. al Trib. di Roma n. 250 del 30/10/2013) - Direttore responsabile: Manlio Pisu - Comitato di redazione: Antonella Nibaldi (coordinatrice), Claudia Amadio, Riccardo Carriero, Luca Cecchini, Laura Ferri, Chiara Tomaiuoli, Alfredo Gloria - Direzione e redazione: CONSOB Via G. B. Martini, 3 - 00198 Roma - telefono: (06) 84771 - fax: (06) 8417707. E' possibile inviare documenti o segnalazioni alla redazione utilizzando l'Area interattiva del sito www.consob.it dove per altro CONSOB INFORMA è consultabile al link "Area pubblica/pubblicazioni/newsletter".