Il voto di lista per la rappresentanza di azionisti di minoranza

 

Il voto di lista per la rappresentanza di azionisti di minoranza nell'organo di amministrazione delle società quotate

S. Alvaro, G. Mollo, G. Siciliano

N. 1 - novembre 2012 [formato PDF] 
 

Abstract
Il lavoro ricostruisce la genesi e il dibattito dottrinale sull'istituto del voto di lista nell'ordinamento italiano e analizza altresì come il tema della rappresentanza delle minoranze all'interno dell'organo di amministrazione è stato trattato negli ordinamenti di alcuni paesi avanzati, e in particolare negli USA. In Italia, l'istituto è stato introdotto per la prima volta nel 1994 per specifici obiettivi di politica economica all'epoca delle grandi privatizzazioni ed è stato poi ripreso nella disciplina speciale delle società quotate dalla Legge sul Risparmio nel 2005 in base a obiettivi e finalità diverse. Questa genesi complessa e questo cambiamento nelle finalità assegnate a tale istituto, finalità che il Legislatore del 2005 sembra avere individuato nella possibilità di prevenzione di eventuali abusi da parte degli azionisti di maggioranza, ha indotto gli studiosi a riflettere sulla portata generale e sistematica da attribuire alla previsione in questione. Le scelte del Legislatore del 2005 hanno attirato anche l'interesse della stessa Commissione Europea, che ha voluto conoscere l'opinione degli operatori in merito a previsioni simili nell'ambito della consultazione sul Libro Verde The UE corporate governance framework pubblicato nell'aprile 2011. Pur non mettendo in dubbio i benefici dell'istituto in questione, alcuni giuristi nonché diverse istituzioni ed operatori che hanno risposto alla consultazione sul Libro Verde hanno evidenziato possibili profili di criticità che potrebbero derivare da norme imperative in materia di rappresentanza delle minoranze nell'organo di amministrazione. Il lavoro conclude offrendo spunti di riflessione su possibili interventi per mitigare tali profili di criticità evidenziati in dottrina e nel dibattito sul Libro Verde della Commissione Europea.

 

Autori
Simone Alvaro - CONSOB, Divisione Studi (s.alvaro@consob.it)
Giovanni Mollo - CONSOB, Divisione Studi (g.mollo@consob.it)
Giovanni Siciliano - CONSOB, Divisione Studi (g.siciliano@consob.it)

Si ringrazia un anonimo referee per gli utili commenti. Le opinioni espresse nel presente Quaderno sono attribuibili esclusivamente agli Autori e non rappresentano posizioni ufficiali della Consob, né impegnano in alcun modo la responsabilità dell'Istituto. Nel citare i contenuti del presente Quaderno, non è pertanto corretto attribuirli alla Consob o ai suoi vertici. Errori e imprecisioni sono imputabili esclusivamente agli Autori.

 

ISSN 2281-5236 [online]