Governance e trasparenza nelle società small cap: un confronto tra MTA e AIM (Documento Consob, 25 marzo 2019)

Il documento confronta le società di minori dimensioni con azioni ordinarie quotate sul Mercato telematico azionario di Borsa Italiana (MTA) e le società negoziate sull'Alternative Investment Market (AIM) Italia con riferimento a taluni profili di governance e trasparenza. MTA ed AIM sono assoggettati, nella maggior parte dei casi, a previsioni legislative e regolamentari differenti, che tuttavia non precludono alle imprese negoziate su AIM di adottare modelli di governance e comportamenti più vicini a quelli a cui sono tenute le società quotate su MTA. I profili di governance analizzati vertono sia sugli assetti proprietari e di controllo delle società (cosiddetta governance esterna) sia sulla composizione dell'organo di amministrazione (cosiddetta governance interna). I profili di trasparenza hanno ad oggetto l'informativa contabile, l'informativa price-sensitive e in materia di internal dealing, la comunicazione dei piani industriali, la rendicontazione non finanziaria e la comunicazione in lingua inglese. Un ulteriore confronto riguarda, infine, la copertura da parte degli analisti.

Le evidenze in materia di governance e trasparenza di fonte documentale si completano con i risultati di una Survey, realizzata coinvolgendo i portfolio manager di primari investitori istituzionali italiani ed esteri e gli amministratori delegati delle società negoziate su AIM Italia.

Dall'analisi emerge che sia le società dell'MTA sia quelle dell'AIM presentano assetti proprietari concentrati e una presenza di investitori istituzionali rilevanti numericamente simile, benché gli stranieri prediligano le società dell'MTA. Sul fronte della governance interna, gli organi di amministrazione degli emittenti MTA sono  mediamente più numerosi e con una maggiore incidenza di amministratori indipendenti e di donne. Per quanto riguarda la trasparenza, si colgono similitudini e differenze a seconda delle aree tematiche considerate: ad esempio, le comunicazioni di internal dealing su AIM sono in linea con lo STAR dell'MTA, mentre la diffusione della voluntary disclosure  (relativa ai piani industriali e alla informazioni finanziarie periodiche aggiuntive) è maggiore fra le imprese quotate.  Infine, le società AIM si caratterizzano per una copertura da parte degli analisti finanziari di gran lunga inferiore, in media, a quella delle società STAR (rispettivamente, il 51% e il 90% degli emittenti sono seguiti da almeno un analista) e superiore alle Small Cap (26%). La copertura degli annalisti può essere un fattore importante per le scelte di investimento degli investitori istituzionali, come si evince dalle evidenze della Survey.

- Documento

25 mar 2019