Il nuovo portale di Educazione Finanziaria
Nasce il nuovo portale di Educazione Finanziaria della Consob

La Consob ha dedicato uno dei tre portali che compongono il proprio sito internet all'educazione finanziaria.

L'area indicata rappresenta uno strumento di formazione ed informazione per tutti coloro (studenti, insegnanti, lavoratori e pensionati) che desiderano percorrere un sentiero di apprendimento di nozioni, concetti e tecniche economico-finanziarie per una corretta amministrazione del proprio risparmio nel tempo, aumentando la conoscenza e consapevolezza dei propri diritti/doveri e stimolando un approccio consapevole alla "finanza" nel contesto della vita reale.

Si è cercato di utilizzare uno stile immediato ed un linguaggio semplice con l'obiettivo della comprensibilità dei contenuti da un'ampia platea di potenziali utenti. Sono anche presenti giochi e questionari per agevolare il passaggio dalla conoscenza teorica alla sperimentazione pratica dei concetti appresi.

Riteniamo che una corretta educazione finanziaria sia un fattore determinante non solo per l'effettiva tutela dei singoli risparmiatori, ma anche per lo sviluppo del sistema finanziario nel suo complesso.

La recente crisi iniziata nel 2007 ha difatti evidenziato ancora una volta la stretta relazione tra protezione degli investitori e solidità (gli economisti la chiamano "robustezza") del sistema finanziario.

Risparmiatori "istruiti", correttamente informati e consapevoli dei propri diritti (ma anche delle proprie responsabilità) sono meglio attrezzati per valutare la qualità dei servizi e dei prodotti finanziari loro proposti o per identificare attività abusive o fraudolente, con il risultato di ottimizzare la gestione dei propri risparmi.

Risparmiatori "avveduti", inoltre, sono in grado di selezionare le migliori opportunità di investimento, porre ai margini del mercato le forme meno competitive ed escluderne quelle fraudolente.

Si comprendono, a questo punto, le ragioni della particolare attenzione che la Consob rivolge all'educazione finanziaria - intesa come considerazione degli aspetti del comportamento economico di un individuo (consapevolezza, conoscenza, abilità, attitudine e azione) - e, in particolare, all'investor education, generalmente considerata un sotto-insieme del più ampio concetto di educazione finanziaria, focalizzandosi sugli aspetti di conoscenza dei principi e delle regole di funzionamento dei mercati finanziari, sui diritti, doveri e responsabilità dell'investitore, sull'importanza della pianificazione degli investimenti, del processo di selezione degli intermediari e di scelta dei prodotti finanziari più adeguati.

L'educazione finanziaria, pertanto, completa il quadro delle tutele per i risparmiatori, amplificando anzi l'efficacia delle tradizionali "armi" delle Autorità (regolamentazione, controllo e sanzioni) e contribuendo così alla sostanziale (e non solo formale) protezione del risparmio.

Risparmiatori "consapevoli" pretenderanno che le regole dettate a loro protezione vengano effettivamente rispettate.

Risparmiatori "accorti" saranno in grado di valutare il mancato rispetto delle regole e di segnalarlo all'Autorità di controllo, stimolando così l'attivazione di poteri di vigilanza e, se del caso, sanzionatori.

C'è un altro aspetto a cui abbiamo dedicato attenzione: i limiti del comportamento umano.

La teoria economica tradizionale assume che gli individui si comportano sul piano economico in modo razionale, ma questo non è del tutto e sempre vero.

Secondo Daniel Kahneman (lo scienziato a cui è stato assegnato il premio Nobel per gli studi di economia comportamentale), il comportamento umano non è sempre guidato dalle informazioni/conoscenze che una persona possiede ma, piuttosto, dalle sue convinzioni, preferenze e attitudini, a loro volta determinate dal contesto in cui la persona vive e, per questo, destinate a variare nel tempo.

La scienza comportamentale ha capito che - dal momento che gli individui agiscono sulla base delle proprie esperienze, sentimenti e idee - le decisioni umane tendono ad essere intuitive e di tipo automatico, al di fuori di efficaci controlli intenzionali. La componente psicologica ed emozionale del comportamento umano deve essere tenuta in debito conto anche quando trattiamo il tema dell'educazione finanziaria.

Il nuovo portale della CONSOB dedicato all'educazione finanziaria è stato suddiviso nelle tre Macro-Sezioni concettuali di seguito indicate:

Apprendimento

Il Sistema Finanziario

Questa sezione costituisce la "porta d'accesso" consigliata per comprendere – in modo agevole - il funzionamento dei moderni mercati dei capitali e la loro relazione con il sistema economico

 

Guida all'investimento

Vademecum per un corretto approccio agli investimenti finanziari da parte di un individuo

 

Nozioni e strumenti

Elementi di base sui principali prodotti e servizi finanziari offerti sul mercato e su altri aspetti di interesse per l'investitore

 

Operatività

 

Truffe e abusivismi

Suggerimenti su come riconoscere (ed evitare) le truffe finanziarie

 

Forme di tutela

Panoramica sull'attività di vigilanza della Consob a tutela dei risparmiatori e del sistema finanziario

 

Approfondimento

Approfondimenti

Sezione dove poter approfondire gli argomenti trattati nelle precedenti due sezioni, dedicata a chi vuole andare "a fondo".

 
08 mag 2015