Newsletter


Notiziario settimanale - anno XXVI - N° 28 - 20 luglio 2020

Le notizie della settimana:
- > Servizi finanziari abusivi: Consob oscura 5 siti abusivi
- > Presentazione in streaming dell’occasional Report “La crisi Covid-19. Impatti e rischi per il sistema finanziario italiano in una prospettiva comparata”
- > Covid-19: Richiamo di attenzione Consob sull’informativa finanziaria
- > Emittenti azioni quotate PMI, aggiornamento dell’elenco
- > L’Esma pubblica gli orientamenti definitivi sugli obblighi di informativa ai sensi del Regolamento sui prospetti
- > Guida Esma sulle esenzioni alla trasparenza pre-trade per strumenti azionari e non azionari
- > Le raccomandazioni del Monitoring Group finalizzate al rafforzamento del sistema di elaborazione dei principi di revisione e di indipendenza internazionali
- > Audizione del Presidente della Consob presso la Commissione Parlamentare di inchiesta sul sistema bancario e finanziario
- > Audizione informale del Commissario Consob Carmine Di Noia presso la Camera dei Deputati XIV Commissione Permanente Politiche dell’Unione Europea
- > Comunicazioni a tutela dei risparmiatori di altre autorità di vigilanza

Le decisioni della Commissione assunte nel corso della settimana

Le determinazioni dirigenziali assunte nel corso della settimana

Avvertenza: i provvedimenti adottati dalla Consob sono pubblicati nel Bollettino dell'Istituto e, quando previsto, anche nella Gazzetta Ufficiale. Le notizie riportate in questo notiziario rappresentano una sintesi dei provvedimenti di maggiore e più generale rilevanza e pertanto la loro diffusione ha il solo scopo di informare sull'attività della Commissione.

- LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA -

Consob ha ordinato l'oscuramento di 5 nuovi siti web, che offrono abusivamente servizi finanziari.

L’autorità si è avvalsa dei poteri derivanti dal “decreto crescita” (legge n. 58 del 28 giugno 2019, articolo 36, comma 2-terdecies), in base ai quali Consob può ordinare ai fornitori di servizi di connettività a internet di inibire l’accesso dall’Italia ai siti web tramite cui vengono offerti servizi finanziari senza la dovuta autorizzazione.

Di seguito i siti per i quali la Consob ha disposto l’oscuramento:

  • Capoinvest Ltd (sito internet www.capoinvestgroup.co.uk);
  • Terratech Ltd (sito internet www.eufxinvest.com);
  • Level Up Capital Ltd (sito internet https://trade100fm.net);
  • Trade Com Limited (sito internet https://globalspotfx.com);
  • Pure M Global Limited (sito internet https://realmarketbroker.com).

Sale, così, a 257 il numero dei siti complessivamente oscurati dalla Consob a partire da luglio 2019, da quando l’autorità è stata dotata del potere di ordinare l’oscuramento dei siti web degli intermediari finanziari abusivi.

I provvedimenti adottati dalla Consob sono consultabili sul sito www.consob.it.

Sono in corso le attività di oscuramento dei siti da parte dei fornitori di connettività a internet che operano sul territorio italiano. Per motivi tecnici l’oscuramento effettivo potrà richiedere alcuni giorni.

La Consob richiama l’attenzione dei risparmiatori sull’importanza di usare la massima diligenza al fine di effettuare in piena consapevolezza le scelte di investimento, adottando comportamenti di comune buon senso, imprescindibili per salvaguardare il proprio risparmio: tra questi, la verifica preventiva, per i siti che offrono servizi finanziari, che l’operatore tramite cui si investe sia autorizzato e, per le offerte di prodotti finanziari, che sia stato pubblicato il prospetto informativo.

A tal fine Consob ricorda che sul sito www.consob.it è presente in homepage la sezione “Occhio alle truffe!”, dove sono disponibili informazioni utili a mettere in guardia l’investitore contro le iniziative finanziarie abusive.

torna al sommario

Venerdì 24 luglio dalle 11.00 alle 12.30 si terrà il webina r di presentazione di un occasional Report La crisi Covid-19. Impatti e rischi per il sistema finanziario italiano in una prospettiva comparata”.

Il Rapporto, che sarà pubblicato al termine della presentazione sul sito della Consob, fa il punto sull’impatto delle conseguenze economiche della pandemia da Covid-19 nel primo semestre 2020, esaminandone l’evoluzione nel contesto sia domestico sia internazionale.

Il Rapporto offre, inoltre, prime riflessioni sulle trasformazioni che la pandemia ha innescato ovvero accelerato, a più livelli, contribuendo così a cambiare il contesto di riferimento in cui si troveranno ad operare regolatori e autorità di vigilanza dei mercati finanziari.

Aprirà i lavori il Commissario Consob Carmine Di Noia; seguiranno gli interventi di Nadia Linciano, Monica Gentile, Valeria Caivano e Francesco Fancello.

E’ possibile iscriversi per partecipare all’evento attraverso il SIPE - Sistema Integrato per l'Esterno. Ai partecipanti verrà inviata una e-mail contenente il link per collegarsi all'evento.

torna al sommario

Consob richiama l’attenzione (Richiamo di attenzione n. 8/20 del 16 luglio 2020) degli attori coinvolti nel processo di produzione dell’informativa finanziaria su alcuni aspetti di rilievo per la redazione delle relazioni finanziarie semestrali al 30 giugno 2020, in linea con quanto riportato dall’Esma, l’autorità di vigilanza europea sui mercati finanziari, nel public statement Implications of the Covid-19 outbreak on the half-yearly financial Reports del 20 maggio 2020.

Le relazioni finanziarie semestrali al 30 giugno 2020, redatte dagli emittenti quotati aventi l’Italia come Stato membro d’origine e dagli emittenti strumenti finanziari diffusi tra il pubblico in misura rilevante, costituiscono, per la maggior parte degli emittenti, il momento nel quale saranno disponibili informazioni più compiute in merito agli effetti della pandemia da Covid-19; pertanto è stata richiesta dall’Esma particolare attenzione agli aspetti informativi relativi alle ipotesi sottostanti alle stime che saranno svolte e che, dato il contesto connotato da rilevante incertezza, potranno richiedere l’esercizio di un elevato grado di giudizio da parte degli amministratori.

Consob, in linea con il suddetto public statement, richiama l’attenzione sul rilievo che nella redazione delle prossime rendicontazioni semestrali assumono le valutazioni che gli amministratori sono chiamati ad effettuare ai sensi del principio contabile internazionale Ias 36 “Riduzione di valore delle attività” (Ias 36 paragrafi 9 e 12). In particolare, dovrà essere valutato se gli effetti dell’epidemia Covid-19 costituiscono un indicatore di perdita di valore tale da richiedere lo svolgimento di specifiche verifiche sulla recuperabilità delle attività.

Particolare attenzione dovrà essere prestata alla descrizione delle incertezze e dei rischi significativi connessi al Covid-19, soprattutto qualora siano tali da mettere in dubbio la continuità aziendale degli emittenti medesimi.

Con riferimento alla descrizione degli impatti dell’epidemia Covid-19 sul conto economico, gli emittenti dovrebbero fornire informazioni, anche su base quantitativa, in una nota unica del proprio bilancio intermedio, ciò al fine di far comprendere agli utilizzatori del bilancio il complessivo impatto della pandemia sui risultati economici del periodo.

Infine, la Consob, in relazione all’informativa da riportare nelle relazioni intermedie sulla gestione, raccomanda agli emittenti di fornire, se disponibili, informazioni dettagliate e specifiche in relazione agli impatti, anche futuri, del Covid-19 sulla pianificazione strategica e sui target di piano, sulla performance economica, sulla situazione finanziaria e sui flussi di cassa. Particolare evidenza dovrà essere data alla descrizione delle misure adottate ovvero programmate per fronteggiare e mitigare gli impatti del Covid-19 sulle attività e sui risultati economici, indicando il relativo stato di implementazione.

torna al sommario

Consob ha aggiornato l’elenco delle Piccole medie imprese “PMI” ai sensi dell’articolo 1, comma 1, lettera w-quater.1) del Testo Unico della Finanza – Tuf (http://www.consob.it/web/area-pubblica/emittenti-quotati-pmi).

Le società che risultano comprese nell’elenco, aggiornato al 31 marzo 2020, sono 153, rispetto alle 155 presenti nel precedente elenco stilato al 30 settembre 2019 (vedi “Consob Informa” n. 3/2020).

Sono state espunte le seguenti società: Gima Tt Spa, Italiaonline Spa, M&C Spa, Gamenet Group Spa (per delisting), Fila Fabbrica Italiana Lapis ed Affini Spa e Rcs Mediagroup Spa (in quanto hanno già dichiarato di avere superato i requisiti con il fatturato 2019).

Hanno fatto, invece, ingresso nell’elenco, in ragione della capitalizzazione 2019, le seguenti 4 società: Alkemy Spa, Geox Spa, Newlat Food Spa e Orsero Spa.

L'elenco ricomprende le sole società italiane (aventi sede legale in Italia) con (almeno) azioni ordinarie ammesse a negoziazione sull’ Mta. Sono, pertanto, escluse le società estere e le società italiane con sole azioni di risparmio quotate.

Con riferimento al processo di pubblicazione e di aggiornamento dell'elenco, l'acquisizione della qualifica di "PMI" discende dal non superamento anche di una sola delle due soglie relative alla capitalizzazione (500 milioni di euro) o al fatturato (300 milioni di euro), mentre per la perdita della qualifica di "PMI" entrambi i citati parametri (capitalizzazione e fatturato) devono risultare superati per tre anni consecutivi. Di conseguenza il superamento dei limiti per un solo esercizio non comporta il venir meno della qualifica di “PMI”.

L’elenco è stato aggiornato per tener conto della capitalizzazione 2019 e, per le sole società con chiusura infra-annuale entro il 31 dicembre 2019, del fatturato, calcolato utilizzando anche i dati informativi finanziari trasmessi dagli emittenti alla Consob sulla base della Comunicazione n. DEM/10036807 del 26 aprile 2010.

Per le altre società, invece, si procederà nel mese di settembre ad integrare le informazioni sulla base dei dati di fatturato risultanti dai bilanci dell’esercizio 2019.

Per le sole società già presenti nel primo elenco, che hanno superato nel triennio 2017-2018-2019 il requisito di capitalizzazione e di fatturato si è già tenuto conto tuttavia anche delle comunicazioni di perdita della qualifica di “PMI” diffuse dagli emittenti ai sensi dell’articolo 2-ter comma 2 del Regolamento Emittenti.

In aggiunta, considerato che la qualifica di “PMI” viene meno laddove vengano superati, per tre anni consecutivi, entrambi i limiti normativi previsti, relativi a capitalizzazione e fatturato, è stato analizzato anche il fatturato 2017 e 2018.

Con riferimento al requisito di capitalizzazione, il calcolo è stato effettuato per i tre esercizi sociali consecutivi che abbracciano gli anni 2017-2018-2019, essendo previsto dal citato articolo 1, comma 1, lettera w-quater. 1) del Tuf che la qualifica di “PMI” viene meno solo laddove vengano superati i limiti previsti, per tre anni consecutivi.

Per le società con chiusura infra-annuale di bilancio si è fatto riferimento al periodo temporale coincidente con l’esercizio sociale annuale.

Secondo quanto previsto dall’articolo 2-ter del Regolamento Emittenti della Consob, recante “Disposizioni attuative della definizione di PMI”, le condizioni relative alla capitalizzazione richieste dall’articolo 1, comma 1, lettera w-quater.1), del Tuf sono state verificate calcolando la media semplice delle capitalizzazioni giornaliere (prezzo di chiusura ufficiale moltiplicato per il numero di azioni) per tutti gli emittenti azioni ordinarie quotate sul mercato regolamentato Mta gestito da Borsa Italiana.

torna al sommario

L'autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (Esma) ha pubblicato lo scorso 15 luglio i propri orientamenti definitivi sugli obblighi di informativa ai sensi del regolamento sui prospetti, concludendo un lungo lavoro di rielaborazione collegato alla transizione dalla direttiva prospetti al regolamento prospetti).

Le nuove linee guida offrono agli operatori dei mercati finanziari le indicazioni necessarie per la divulgazione delle informazioni finanziarie e non finanziarie da includere nel prospetto. L’obiettivo è quello di garantire che gli operatori del mercato possano avere una comprensione uniforme del numeroso materiale informativo richiesto dai vari allegati previsti dal regolamento delegato (Ue) 2019/980.

I responsabili del prospetto saranno così agevolati nel lavoro di divulgazione attraverso il prospetto degli elementi richiesti, e in modo coerente in tutta l’Unione europea. Parallelamente, verrà agevolato il compito richiesto alle autorità competenti nel valutare adeguatamente - e in modo convergente - completezza, comprensibilità e coerenza delle informazioni fornite nei prospetti.

Le linee guida riguardano argomenti sia finanziari che non finanziari, tra cui le informazioni pro forma, le dichiarazioni sul capitale circolante, la capitalizzazione e l’indebitamento, le previsioni e le stime degli utili, le informazioni finanziarie storiche, la revisione operativa e finanziaria, gli accordi di opzione e gli organismi di investimento collettivo.

Inoltre, in relazione ai prospetti relativi al capitale circolante, le linee guida includono nuove indicazioni sui criteri per valutare se un emittente può fornire un prospetto del capitale circolante conforme.

Riguardo alle informazioni pro forma, va ricordato che l’Esma ha confermato la sua posizione in relazione all'aggregazione di diverse transazioni ai fini delle suddette informazioni.

Il principio di aggregazione, introdotto nel documento di consultazione del luglio 2019, è infatti considerato un elemento fondamentale per la protezione degli investitori.

torna al sommario

L’Esma, autorità di regolamentazione dei mercati dei valori mobiliari dell’Unione europea, ha pubblicato il 17 luglio scorso un parere con la guida alle esenzioni dalla trasparenza pre-trade in riferimento agli strumenti azionari e non azionari. Il documento sostituisce le linee-guida redatte dal Comitato delle autorità europee di regolamentazione dei valori mobiliari e i pareri Esma sulle deroghe alla trasparenza pre-trade ai sensi della direttiva MiFID (Markets in Financial Instruments Directive).

Le linee guida forniscono indicazioni sulla valutazione operata dall’Esma delle più frequenti caratteristiche riscontrate nell'emissione di pareri sulle deroghe dalla trasparenza pre-trade negli ultimi tre anni (in cui si sono avute circa 900 notifiche di esenzioni per strumenti rappresentativi di capitale e non azionari). Ciò allo scopo di facilitare un’applicazione coerente delle regole sulla trasparenza pre-trade nell’Unione europea. Il documento sarà aggiornato in funzione di eventuali casistiche di valutazione delle notifiche di esonero.

torna al sommario

Il Monitoring Group - gruppo presieduto dalla Iosco, l'organizzazione internazionale delle autorità di vigilanza sui mercati finanziari cui partecipano il BCBS - Comitato di Basilea, la Commissione Europea, il FSB - Financial Stability Board, lo IAIS - International Association of Insurance Supervisors, la WBG - World Bank Group e l’IFIAR - International Forum of Independent Audit Regulators - è stato creato nel 2005 con la finalità ultima di assicurare che le attività svolte dall’IFAC (International Federation of Accountants) con un profilo di interesse pubblico, ed in particolare quelle relative all’elaborazione dei principi di revisione (comitato IAASB) e di etica/indipendenza (comitato IESBA) utilizzati dalla professione nell’attività di audit e di assurance, siano tali da garantire lo svolgimento di un’attività di revisione contabile di elevata qualità, condotta in maniera indipendente.

Il Monitoring Group ha approvato nel luglio 2020 un documento che contiene le raccomandazioni di riforma per migliorare la governance e la accountability dell’attuale sistema, scaturite a seguito di un processo di ricognizione iniziato nel 2015, condotto anche attraverso una consultazione pubblica conclusasi nel 2018 nonché continue interlocuzioni con tutti i soggetti interessati.

Le raccomandazioni suggeriscono una serie di misure da mettere in pratica per rafforzare l’indipendenza dei comitati IAASB e IESBA, stabilire in maniera più netta il ruolo e le responsabilità del PIOB (Public Interest Oversight Body) che supervisiona detti comitati, anche attraverso l’adozione di un Public Interest Framework da rispettare nell’adozione dei principi, nonché fissare gli obiettivi a medio e lungo termine per il finanziamento indipendente di queste attività.

Si tratta di un fondamentale passo avanti nel rafforzamento della qualità dell’audit svolto nell’interesse pubblico. Il Monitoring Group monitorerà l’effettiva implementazione delle raccomandazioni e la transizione al nuovo sistema.

torna al sommario

Il Presidente della Consob, Prof. Paolo Savona, lo scorso 14 luglio, è intervenuto in audizione presso la Commissione Parlamentare di inchiesta sul sistema bancario e finanziario.

torna al sommario

Il Commissario Consob, Prof. Carmine Di Noia, Presidente del Comitato per l'Analisi economica e dei mercati dell'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (Esma), lo scorso 16 luglio, è intervenuto in audizione informale presso la XIV Commissione Permanente (Politiche dell’Unione Europea)della Camera dei Deputati, Deputati sul tema “Unione dei mercati dei capitali e sistema europeo di regolamentazione e supervisione finanziaria” nell'ambito dell'esame congiunto del "Programma di lavoro della Commissione per il 2020 - Un'Unione più ambiziosa (COM (2020) 37 final)", del "Programma di lavoro adattato 2020 della Commissione (COM (2020) 440 final)" e della "Relazione programmatica sulla partecipazione dell'Italia all'Unione europea nell'anno 2020 (Doc. LXXXVI, n. 3)".

Le slide dell’audizione sono disponibili sul sito Consob al seguente link: http://www.consob.it/web/area-pubblica/audizioni.

torna al sommario

Le autorità di vigilanza di Regno Unito (Financial Conduct Authority - Fca), Hong Kong (Securities and Futures Commission – Sfc), Svezia (Finansinspektionen), Portogallo (Portoguese Securities Commission Cmvn), Svizzera (Swiss Financial Market Supervisory Authority – Finma), Austria (Financial Market Authority - Fma), Repubblica Ceca (Czech National Bank) e Spagna (Comisión Nacional del Mercado de Valores - Cnmv) segnalano le società e i siti web che stanno offrendo servizi di investimento, finanziari e assicurativi senza le previste autorizzazioni.

Segnalate dalla Fca:

  • 7 Online/Red Rock Ltd (https://7online.io);
  • Bond Select Uk / selectbonds.uk (www.selectbonds.uk);
  • Compare Bond / compare-bond (https://www.compare-bond.co.uk), con sede dichiarata alle Seychelles;
  • Bond compare Uk (www.bondcompareuk.com), con sede dichiarata a Londra;
  • First Brokers (www.fbrokers.com, https://www.fbrokers.io), con sede dichiarata a Hong Kong;
  • Ofc Markets (https://www.ofcmarkets.com), con sedi dichiarate alle isole Marshall e a Londra;
  • Sadi Finance o Sadi Finance Limited Spain Office (www.sadifinance.com);
  • Interactive Trade (www.interactivetrade.com), con sede dichiarata a Saint Vincent and the Grenadines;
  • fixedrate-bonds.net (fixedrate-bonds.net), con sede dichiarata a Londra;
  • Advisors Network Llc (www.advisorsnetworknyc.com), con sede dichiarata a New York;
  • Secura Bonds (www.secura-bonds.co.uk), con sede dichiarata a Londra;
  • MottoFx (https://www.mottofx.com), con sede dichiarata a Saint Vincent and the Grenadines;
  • Bondcomparison (https://comparethebestrates.co.uk);
  • Jamie Shepherd / Jamie.tradesfx / Jamie.fba;
  • Business Choice Partners Group (http://www.bcpgltd.com), con sede dichiarata a Londra;
  • Investor Guard (www.investorguard.org), con sede dichiarata a Hong Kong;
  • Uk Bond Society (www.ukbondsociety.co.uk), con sede dichiarata a Londra;
  • EasyLoan4U (www.easyloan4u.co.uk; www.instagram.com/directloans.uk);
  • Lend Finance (www.lendfinance.co.uk), con sede dichiarata a Londra;
  • Debt Struggles (www.debtstruggles.co.uk);
  • Stratis Finance / Stratis Financial (www.stratisfinancial.site);
  • Step Debt Free (www.stepdebtfree.co.uk), con sede dichiarata a Manchester;
  • Ssite International Limited (www.ssitehk.com), con sede dichiarata a Londra;
  • Ajassetmanagement e banque2crypto (www.ajassetmanagement.com/ www.banque2crypto.eu/ www.invest-premium.online), con sede dichiarata a Londra e Parigi, clone della società autorizzata A J Asset Management Limited (n. di riferimento: 470893);
  • Report Accident Claim (www.reportaccidentclaim.co.uk);
  • Bestbonds-Uk (http://buy.bestbonds-uk.com), clone della società autorizzata Marten & Co Limited (www.martenandco.com; n. di riferimento: 581134);
  • The Money Supermarket (http://the-money-supermarket.com), clone della società autorizzata Moneysupermarket.com Financial Group Limited (www.moneysupermarket.com; n. di riferimento: 303190);
  • J and E Davy/J&E Davy/Jane Davy (www.jandedavy.com/ www.jandedavy.co.uk/ http://jandedavy.eu/ ), clone della società autorizzata Davy Asset Management Limited (www.davy.ie; n. di riferimento: 149058);
  • Pension Cash Now (www.pensioncashnow.co.uk);
  • Windsor Manor (www.windsormanor.co.uk);
  • StockotradeFX \ Ultimatecryptofx \ Tradevibefx (www.tradevibefx.com, www.ultimatecryptofx.com, www.stockotradefx.com), clone della società autorizzata Tradeslide Trading Tech Limited (n. di riferimento: 586466);
  • Keycroft Investments (http://www.keycroftinvestments.com/), con sede dichiarata aLondra,clone della società autorizzata Keycroft Finance Limited (n. di riferimento: 741219);
  • Creditstar Uk Limited, clone della società autorizzata Creditstar Uk Limited con sede a Londra (n. di riferimento:675392);
  • Dqn Capital (www.dqn-capital.com), con sede dichiarata a Londra, clone della società autorizzata Dqn Global Capital Partners Llp (n. di riferimento: 486497);
  • Tradewell / Bridgehold Ltd (www.tradewell.io; www.tradewell.exchange), con sedi dichiarate aSaint Vincent and the Grenadines e in Bulgaria;
  • Compare Isa / Clicksco Digital Limited (www.compareisa.org.uk);
  • Hh Trading Group (www.hhtradingteam.co.uk; www.hhtradinggroup.co.uk; http://twitter.com/hhtradinggroup; https://uk.tradingview.com/u/hhtradinggroup);
  • Pillar Property Group (www.pillar-property-group.co.uk; www.pillarpropertygroup.co.uk; www.pillar-property-group.com), con sede dichiarata aLondra;
  • Tribely (www.tribelylimited.com/ https://tribelyltd.net), clone della società SeedTribe Limited (n. di riferimento 695526);
  • Ellis Finance (www.ellisfinancialinvestment.mw.lt), con sede dichiarata aNew York;
  • Investteck (www.investteck.net; www.investteck.com), con sedi dichiarate in Estonia e Irlanda;
  • Amana Trade/ AmanaTrade (https://www.amanatrade.net), clone della società autorizzata Amana Financial Services Uk Limited (https://www.amanafs.co.uk), con sede a Londra (n. di riferimento: 605070);
  • European Investment Trading (www.e-i-a-t.com), con sedi dichiarate a Hong Kong, Dubai e Francoforte;
  • InteliSure (www.intelisure.co.uk), con sede dichiarata aNewport;
  • Sti-Global (www.sti-global.com);
  • Platinum Cfd (www.platincfd.com);
  • FxFinest (www.FXFinest.com);
  • Trade 100 Fm (www.trade100.fm);
  • Jms Invest / Jms Equities (www.jmsinvest.com; www.jmsequities.com), con sede dichiarata aLondra;
  • Affinity Group Investing (www.agroupinvesting.com; www.partnersgoal.com), con sede dichiarataalle isole Marshall;
  • Emsworth Alternatives (www.1ea.online; www.1ea.uk; www.investmentsstratagies.global; www.emsworthalternatives.com), con sede dichiarata a Londra;
  • CFreserve (www.cfreserve.com), con sede dichiarata a Sofia (Bulgaria);
  • Omega Fx (www.omegafx.io);
  • Investing Capital (www.investingcapital.com; www.investingcapital.info), con sede dichiarata a Sofia (Bulgaria);
  • T.U Markets Limited t/a Trading Underground (www.tradingunderground.co.uk; www.instagram.com/tradingunderground; ww.facebook.com/TradingUndergroundMarkets; www.twitter.com/tumarkets), con sede dichiarata a Londra;
  • Total Financial Solutions (www.total-financial-solutions.co.uk; www.tfs-dcm.co.uk);
  • Ouroneclub (www.ouroneclub.com), con sede dichiarata a Malaga;
  • Kodimax (www.kodimax.net);
  • Alter Capital (www.altercapital.co, www.altercapgroup.com), con sede dichiarata a Londra;
  • Ibex Prime (www.ibexprime.com), con sede dichiarata a Sofia (Bulgaria);
  • Any1Profits (www.any1profit.com), con sede dichiarata a Sofia (Bulgaria);
  • Gce Capitals (www.gcecapitals.ai), con sede dichiarata a Londra;
  • VetoroBanc (www.vetoro.io);
  • Trafalgar Group (www.trafalgar-group.co.uk), clone della società autorizzata Trafalgar Group Limited (n di riferimento: 06635172);
  • chloehenx / chloefxtrades;
  • A.B.Capitals (www.abcapitals.com);
  • @ceo.ardy \ @haleemlifts;
  • Forex Boss Ahmed;
  • Platinum Forex Signals (www.platinumforexsignals.com);
  • Quantom Capital (www.quantomcapital.com), con sedi dichiarate a Londra e a Sofia (Bulgaria);
  • Marketrip (www.marketrip.com; www.marketrip.co);
  • Stellar Capitals (www.stellarcapitals.com), con sede dichiarata a Londra;
  • 4Rex Prime Ltd t\a Standard Bit Option (www.standardbitoptions.com), con sedi dichiarate a Saint Vincent and the Grenadines e alle Seychelles;
  • Active Capital Asset Managers (www.active-capital.co.uk), con sede dichiarata a Londra, clone della società autorizzata Active Capital BVBA, con sede in Belgio (n. di riferimento: 580000);
  • Kingsbridge Capital Advisors Limited (www.kgsbcap.co.uk),clone della società autorizzata Kingsbridge Capital Advisors Limited, con sede a Londra (n. di riferimento: 219941);
  • Kronos Invest/KronosInvest (www.kronosinvest.co), con sede dichiarata a Londra, clone della società autorizzataLfg Kronos Investment Services Gmbh / Lfg Value Investment Services GmbH, con sede in Germania (n. di riferimento: 567271);
  • Cash4u con sede dichiarata a Londra, clone della società autorizzata Cash4u operante con la piattaforma di trading Chay Leighton Shepherd (n. di riferimento: 923219);
  • Hanseatic Financial Services (www.hanseaticfinancial.co.uk, www.hanseaticfinancial.com), con sede dichiarata a Londra, clone della società autorizzata Hanseatic Brokerhouse Financial Services Gmbh (o Naga Brokers Gmbh) (n. di riferimento: 513529);
  • ML Capital Asset Management (www.mlcam.co.uk),con sede dichiarata a Londra, clone della società autorizzata ML Capital Asset Management Ltd (n. di riferimento: 649103);
  • Old Mutual Wealth, clone della società autorizzata Old Mutual Wealth Limited (www.oldmutualwealth.co.uk; n. di riferimento: 165359);
  • Paydayloansnow Lender Ltd / Paydaloansnow Ltd, con sede dichiarata a Manchester, clone della società autorizzataSerpable Ltd (www.leadbrain.co.uk, www.paydayloansnow.co.uk; n. di riferimento: 799104);
  • Bondcomparisonsite.com (www.bondcomparisonsite.com);
  • Union Bonds (www.union-bonds.com), con sede dichiarata a Londra;
  • Bond Compare / Compare the Bond Market (www.comparethebondmarket.co.uk, http://comparethebondmarket.com).

Segnalate dalla Sfc:

  • www.futu898.com;
  • www.tdgj.vip;
  • www.eddids.com;
  • Jordan Limited (www.jordanltd.com), con sede dichiarata a Hong Kong.

Segnalate dalla Finansinspektionen:

  • Axeinvest (www.axeinvest.org - www.axeinvest.com);
  • Quotatrade.

Segnalata dalla Cnmv:

  • Create Capital Invest (https://www.createcapitalinvest.com/).

Segnalate dalla Finma:

  • Swiss Market;
  • Ambic Royal Trust Bank Limited.

Segnalate dalla Fma:

  • Pcash;
  • Undry Asset Management Gmb;
  • MyCoin Banking / MyCryptoWallet Ltd;
  • LionsFm;
  • Gcg 24;
  • PremiumBorsa;
  • Pennyworth Investments Limited;
  • Anb Express Bank Limited;
  • Kldc Technical Systems (“BitcapCM”);
  • Brokermasters;
  • Needful Markets.

Segnalata dalla Czech National Bank:

  • Beekash Payment Solutions, s.r.o. (https://www.beekash.net/).

Segnalate dalla Cnmv:

  • Club del Angel Funding, Sl (www.angelclub.es);
  • Wellington Management Europe;
  • Bitcoin Future Web Soft (https://bitcoinfuturewebsoft.com);
  • Platinum Trade Investment (https://platinumtradeinvestment);
  • Ats - Automated Trading Systems (www.expertfx.net);
  • Binary Expert Option (www.binaryexpertoption.com).

torna al sommario

LE DECISIONI DELLA COMMISSIONE ASSUNTE O RESE PUBBLICHE NEL CORSO DELLA SETTIMANA
(i documenti immediatamente disponibili nel sito sono evidenziati tramite link; gli altri provvedimenti saranno disponibili nei prossimi giorni)

Emergenza Covid-19
Prospetti
  • Approvato il supplemento al documento di registrazione di Mediobanca – Banca di Credito Finanziario Spa relativo a titoli diversi dai titoli di capitale destinati agli investitori al dettaglio (decisione del 15 luglio 2020).
  • Approvato il supplemento al prospetto di base di Bcc Roma – Banca di Credito Cooperativo relativo a titoli diversi dai titoli di capitale destinati agli investitori al dettaglio (decisione del 15 luglio 2020).
  • Approvata la nota informativa relativa al programma di offerta di certificati a capitale parzialmente o totalmente protetto emessi da Unicredit Spa (decisione del 15 luglio 2020).
Albi ed elenchi

Aggiornato l’elenco delle “PMI” ai sensi dell’articolo 1 w-quater. 1) del Testo Unico della Finanza – Tuf (decisione del 16 luglio 2020).

Contrasto all’abusivismo (art. 7-octies Tuf)

LE DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI ASSUNTE O RESE PUBBLICHE NEL CORSO DELLA SETTIMANA
(i documenti immediatamente disponibili nel sito sono evidenziati tramite link; gli altri provvedimenti saranno disponibili nei prossimi giorni)

Aggiornamento elenchi società per le quali si applica il regime di trasparenza rafforzata
  • Il Responsabile della Divisione Corporate Governance della Consob con determinazione dirigenziale n. 34 del 16 luglio 2020 ha aggiornato gli elenchi delle società quotate, aventi l’Italia come Stato membro d’origine, ad azionariato particolarmente diffuso, per le quali si applica la riduzione delle soglie percentuali iniziali di comunicazione, ai sensi dell’articolo 120, commi 2-bis e 4-bis, del d. lgs. n. 58 del 1998 (“Tuf”), allegati alle delibere n. 21326 e n. 21327 del 9 aprile 2020, come successivamente sostituiti con le delibere n. 21352 del 6 maggio 2020 e n. 21404 del 17 giugno 2020 e tenuto conto della delibera n. 21434 dell’8 luglio 2020 con cui la Commissione ha prorogato le previsioni delle delibere del 9 aprile 2020 sino al 12 ottobre 2020, salvo revoca anticipata.

L’aggiornamento degli elenchi (che comprende 104 società) si è reso necessario a seguito:

  • della cancellazione di Class Editori Spa (i) dalla Sezione B dell’elenco n. 1 allegato alla delibera n. 21404 del 17 giugno 2020, inerente alle società qualificabili PMI ai sensi dell'articolo 1 w - quater. 1 del Tuf, cui si applica, ai sensi dell'articolo 120, comma 2-bis, del Tuf, l'ulteriore soglia del 3% per la comunicazione delle partecipazioni rilevanti, nonché (ii) dall’elenco n. 2 allegato alla delibera n. 21404 del 17 giugno 2020, inerente alle società cui si applica, ai sensi dell'articolo 120, comma 4-bis, del Tuf, l'ulteriore soglia del 5% al raggiungimento o superamento della quale sorgono gli obblighi di comunicazione delle “dichiarazioni di intenzioni”;
  • dell’inserimento di Monrif Spa (i) nella Sezione B del citato elenco n. 1 allegato alla delibera n. 21404 del 17 giugno 2020 nonché (ii) nel citato elenco n. 2 allegato alla delibera n. 21404 del 17 giugno 2020.
Quote per l'elezione degli organi di amministrazione e controllo
  • Il Responsabile della Divisione Corporate Governance della Consob, sulla base delle previsioni dell’articolo 147-ter del d.lgs. n. 58/1998 (Testo unico della finanza - Tuf) e degli articoli 144-ter e seguenti del Regolamento Emittenti, ha determinato la quota minima di partecipazione per la presentazione delle liste dei candidati per l’elezione degli organi di amministrazione e controllo della società con chiusura dell’esercizio al 30 giugno 2020: As Roma Spa, Società Sportiva Lazio Spa e Danieli Spa – Officine Meccaniche Danieli & C. (per le quali fatta salva l’eventuale minor quota prevista dallo statuto delle società, la soglia è stata individuata al 2,5%.); Digital Bros Spa (soglia individuata al 4,5%); Juventus Football Club Spa e Mediobanca Spa (soglia individuata al 1%). Il testo integrale della determinazione dirigenziale (n. 35 del 16 luglio 2020) è disponibile sul sito internet www.consob.it, corredata dalla tabella con l’indicazione dei criteri utilizzati per la determinazione della quota di partecipazione.
CONSOB INFORMA (Reg. al Trib. di Roma n. 250 del 30/10/2013) - Direttore responsabile: Manlio Pisu - Comitato di redazione: Antonella Nibaldi (coordinatrice), Claudia Amadio, Riccardo Carriero, Luca Cecchini, Laura Ferri, Chiara Tomaiuoli, Alfredo Gloria - Direzione e redazione: CONSOB Via G. B. Martini, 3 - 00198 Roma - telefono: (06) 84771 - fax: (06) 8417707. E' possibile inviare documenti o segnalazioni alla redazione utilizzando l'Area interattiva del sito www.consob.it dove per altro CONSOB INFORMA è consultabile al link "Area pubblica/pubblicazioni/newsletter".