Società quotate


Richieste di divulgazione di informazioni ai sensi dell'art. 114 del Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 - Obblighi di integrazione dell'informativa resa nelle rendicontazioni contabili periodiche

SERI INDUSTRIAL S.P.A.
(ex K.R.ENERGY S.P.A.)

Richiesta del 28 luglio 2021

La Commissione facendo seguito:

- alla nota del 27 dicembre 2007, come modificata in data 14 luglio 2009, con la quale ha comunicato alla Società di pubblicare informazioni periodiche mensili e alle note del 31 gennaio 2019 e 19 dicembre 2019, con le quali è stato ritenuto opportuno il mantenimento degli obblighi informativi supplementari con cadenza mensile;

- alle ulteriori note del 4 maggio 2020 e del 5 agosto 2020 con le quali la Società ha presentato istanza di revoca dai sopra citati obblighi di informativa mensili richiesti ai sensi dell'art. 114, comma 5, del Tuf;

- alla nota del 4 novembre 2020 con la quale nel rilevare (i) le incertezze relative al differimento e all'aggiornamento degli obiettivi previsti dal piano industriale il cui processo di redazione risultava in corso di esecuzione, (ii) il mancato rispetto di parametri finanziari previsti da alcuni contratti di finanziamento in essere, così come indicato dalla stessa Società nella relazione semestrale al 30 giugno 2020 (iii) un ulteriore incremento dell'indebitamento, (iv) le incertezze relative agli effetti della crisi connessa alla pandemia Covid sui risultati del Gruppo, pur in presenza di "una progressiva ripresa delle normali attività produttive e commerciali" e (v) il rinvio della partenza del Progetto Litio di Teverola, ritenuto strategico per la Società", è stato ritenuto utile ed opportuno che l'emittente continuasse a fornire al mercato le informazioni supplementari con cadenza mensile.

Nell'ambito di un riesame periodico delle richieste ex art. 114 comma 5 del Tuf rivolte, su base trimestrale o mensile, agli emittenti che hanno evidenziato profili di criticità attinenti alla continuità aziendale, sono state analizzate le informazioni finanziarie pubblicate dalla società nella documentazione contabile relativa all'esercizio chiuso al 31 dicembre 2020 e nel comunicato stampa del 29 aprile 2021, relativo ai dati sull'andamento dei ricavi consolidati del primo trimestre 2021, nonché le informazioni rese dalla società nelle note trasmesse in data 23 giugno 2021 e 9 luglio 2021 in risposta alle richieste formulate ai sensi dell'art. 115 del Tuf in data 9 giugno 2021.

Ad esito dell'analisi condotta sulla predetta documentazione si dà atto delle circostanze di seguito descritte.

La società di revisione E&Y Spa, nelle sue relazioni al bilancio al 31 dicembre 2020, ha rilasciato giudizi positivi con richiami di informativa sulle parti correlate, precisando che il giudizio della Società di Revisione non è espresso con rilievi con riferimento a tale aspetto.

La Posizione finanziaria netta del Gruppo Seri al 31 dicembre 2020 è negativa per Euro 95.967 migliaia (negativi Euro 69.022 migliaia al 31 dicembre 2019). Nel comunicato mensile del 30 giugno 2021 la Società ha reso noto che l'indebitamento finanziario netto consolidato al 31 maggio 2021 si attesta ad Euro 97.222 migliaia registrando una riduzione di Euro 81 migliaia rispetto al mese precedente.

Il Gruppo Seri nel corso del primo trimestre 2021 ha registrato Ricavi pari ad Euro 37,4 milioni in incremento del 21%, rispetto a quanto consuntivato nello stesso periodo del 2020 (Euro 30,9 milioni circa). In merito al progetto Litio, nel bilancio relativo all'esercizio chiuso al 31 dicembre 2020 viene riportato che. per quanto concerne lo stabilimento di Teverola1, realizzato dalla controllata FIB, "L'impianto è entrato definitivamente in funzione".

Circa lo stato di implementazione del Piano Industriale, il bilancio riporta l'approvazione da parte del Consiglio di amministrazione di nuove previsioni economico, patrimoniali e finanziarie per il periodo 2021-2025, recependo gli effetti della pandemia da Covid-19. Il nuovo Piano, oltre ad estendere l'orizzonte temporale di previsione fino all'anno 2025, tiene conto, a differenza dei precedenti, degli impatti sulle stime dei flussi di cassa derivanti dalla pandemia Covid-19, nonché aggiorna il timing di inizio dell'attività produttiva per l'impianto di Teverola1 che ha subito uno slittamento nell'avvio per effetto principalmente collegato alla pandemia da Covid-19. In data 22 luglio 2021 è stato inoltre approvato un nuovo Piano Industriale 2021-2025 che include le previsioni economiche e finanziarie della divisione accumulatori al litio.

A seguito del rilascio da parte delle banche, nel corso dell'anno 2021, del waiver relativo al finanziamento concesso nel febbraio 2018 per un importo originariamente pari ad Euro 15 milioni, come riportato nella Relazione sulla gestione del bilancio 2020, "alla data di chiusura del bilancio al 31.12.2020, non sussistono elementi che potrebbero comportare limiti all'utilizzo di risorse finanziarie".

In particolare, tenuto conto (i) dell'intervenuto rispetto di parametri finanziari previsti da alcuni contratti di finanziamento in essere, (ii) del concreto avvio del progetto di Teverola1, ritenuto strategico per la Società, (iii) dell'approvazione delle nuove previsioni che recepiscono gli effetti della pandemia da Covid-19 e (iv) del livello di indebitamento, la Commissione ritiene che gli elementi sopra richiamati comportino il venir meno degli obblighi informativi su base mensile.

Tuttavia, si ravvisa la permanenza di taluni elementi di incertezza che rendono opportuno che la Società fornisca al mercato su base trimestrale le informazioni di seguito riportate.

Al riguardo si rileva che il Gruppo Seri al 31 dicembre 2020 ha conseguito una perdita che è stata in parte mitigata dal contributo delle imposte anticipate.

Da un punto di vista operativo nel biennio 2019-2020 si è registrata una contrazione dei ricavi in entrambi i settori di attuale operatività del gruppo.

Pertanto, se da un lato il Piano Industriale 2021-2025 presenta una previsione di crescita in termini di flussi di ricavi nell'orizzonte di riferimento, dall'altro si rileva che l'avvio della produzione nello stabilimento di Teverola è recente.

Va inoltre tenuto conto del permanere, anche nelle relazioni di revisione sui bilanci 2020 di Seri, del richiamo di informativa relativo ai rapporti con le parti correlate.

La Commissione, in sostituzione degli obblighi di informativa supplementare con cadenza mensile, fissati con il soprarichiamato provvedimento del 27 dicembre 2007, come modificato in data 14 luglio 2009 ha chiesto alla società di integrare relazioni finanziarie annuali e semestrali e i resoconti intermedi di gestione, ove pubblicati su base volontaria, a partire dalla prossima relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2021, nonché, laddove rilevanti, i comunicati stampa aventi ad oggetto l'approvazione dei suddetti documenti contabili con le seguenti informazioni:

a) la posizione finanziaria netta della Società e del Gruppo ad essa facente capo, con l'evidenziazione delle componenti a breve separatamente da quelle a medio-lungo termine;

b) le posizioni debitorie scadute della Società e del Gruppo ad essa facente capo, ripartite per natura (finanziaria, commerciale, tributaria, previdenziale e verso dipendenti)) e le connesse eventuali iniziative di reazione dei creditori (solleciti, ingiunzioni, sospensioni nella fornitura etc.);

c) le principali variazioni intervenute nei rapporti verso parti correlate della Società e del Gruppo ad essa facente capo rispetto all'ultima relazione finanziaria annuale o semestrale approvata ex art. 154-ter del Tuf;

d) l'eventuale mancato rispetto dei covenant, dei negative pledge e di ogni altra clausola dell'indebitamento del Gruppo comportante limiti all'utilizzo delle risorse finanziarie, con l'indicazione a data aggiornata del grado di rispetto di dette clausole;

e) lo stato di implementazione di eventuali piani industriali e finanziari, con l'evidenziazione degli scostamenti dei dati consuntivati rispetto a quelli previsti.

La Commissione ha altresì precisato che, tenuto conto delle modifiche apportate dal D.lgs. 15 febbraio 2016 n. 25 alle disposizioni relative alle relazioni finanziarie di cui all'art. 154-ter del Tuf ed in particolare all'eliminazione dell'obbligo della pubblicazione del resoconto intermedio di gestione relativo al primo e al terzo trimestre d'esercizio, l'adempimento relativo alle informazioni da riportare con riferimento al primo e al terzo trimestre dell'esercizio potrà essere assolto tramite uno specifico comunicato stampa ovvero nel rendiconto trimestrale, qualora pubblicato su base volontaria. Tali informazioni dovranno essere pubblicate comunque entro 45 giorni dalla fine del periodo di riferimento e con le modalità previste nella Parte III, Titolo II, Capo I del Regolamento Consob n. 11971/1999, con l'indicazione che i comunicati sono diffusi su richiesta della Consob.