progetto scuola secondaria 2 grado

PROGETTO SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO

Il Progetto di educazione finanziaria è diretto ai docenti delle scuole secondarie di II grado, secondo il modello della "formazione dei formatori", e mira all'inserimento dell'educazione finanziaria nel curriculo scolastico, in modo flessibile e multidisciplinare.
La realizzazione del Progetto prevede una prima fase di formazione dei docenti interessati (che agiscono in qualità di referenti del Progetto presso le scuole partecipanti) e una seconda fase in cui i docenti, formati dagli esperti della CONSOB, trasferiscono i contenuti agli alunni delle proprie classi (preferibilmente del IV e V anno). In dettaglio, durante la prima fase, la CONSOB accompagna i docenti nello sviluppo del percorso didattico, nella selezione di strumenti e materiali da utilizzare nel corso delle lezioni con gli studenti, nella predisposizione delle prove e delle esercitazioni da sottoporre agli studenti. Durante la seconda fase, i docenti possono realizzare con i propri studenti un modulo-base dedicato alla gestione delle finanze personali e uno o più moduli tra i quattro moduli, flessibili e opzionali, proposti dalla CONSOB.

L'obiettivo del Progetto è di condurre gli studenti - attraverso un percorso didattico semplice definito insieme ai referenti scolastici delle singole scuole partecipanti - a un ragionamento aperto sulle funzionalità, caratteristiche e problematiche proprie dei sistemi economico-finanziari (e sui meccanismi sociali e istituzionali sottesi), partendo da eventi significativi tratti dalla storia, anche nell'ottica di favorire l'acquisizione di una maggiore consapevolezza con riguardo alla logica delle scelte finanziarie future di tipo individuale.

La rappresentazione di situazioni storicamente verificate, quali ad esempio eventi finanziari patologici come bolle speculative e truffe, aiuta a far emergere la rilevanza delle connessioni tra economia, finanza, diritto e comportamenti individuali, con particolare enfasi sulle condizioni che ne hanno reso possibile la genesi e sull'influsso degli elementi emotivi sulle scelte personali (le cosiddette trappole comportamentali).

Il Progetto è stato proposto in forma sperimentale per la prima volta nel mese di ottobre 2018, con il nome "Finanza, una storia da raccontare...: dal baratto al bitcoin", ai soli istituti scolastici situati nella Regione Lombardia, in collaborazione con il relativo Ufficio Scolastico. All'iniziativa hanno aderito 27 Scuole dislocate in 10 province. L'esperienza realizzata è stata sistematizzata ed illustrata nel modello didattico di educazione finanziaria per studenti delle classi 4^ e 5^ delle scuole secondarie di secondo grado, un documento di pronto e semplice utilizzo da parte delle scuole interessate sul territorio nazionale.

Nella sezione "Esperienze didattiche" è possibile accedere ad informazioni relative ad alcune delle esperienze delle scuole partecipanti alle varie edizioni del Progetto, con utili indicazioni in termini di contenuti didattici e di metodi di valutazione/misurazione dei risultati.

 

Presentazione e video dell'incontro del 5 novembre 2021.

Per ogni ulteriore richiesta di approfondimenti si prega di inviare un'e-mail all'indirizzo: edufin@consob.it.


Approfondimenti

Come ci hanno insegnato a scuola, è sapiente solo colui che sa di non sapere.

Se anche voi avete raggiunto questo grado di "sapienza", e quindi sentite il bisogno di approfondire, siete nel posto giusto.

In questa sezione vengono riannodati i fili di argomenti già trattati nelle precedenti sezioni per svilupparli e approfondirli con, inevitabilmente, un livello maggiore di complessità.

Nessuna preoccupazione, però: niente di particolarmente difficoltoso. Anche qui abbiamo cercato di usare un linguaggio che fosse il più semplice possibile. Quello che si chiede al lettore è un po' di concentrazione e attenzione in più per affrontare, passo dopo passo, argomenti che solo all'apparenza possono apparire di difficile comprensione.

All'inizio della sezione c'è un'ampia rappresentazione della finanza nella storia. Attenzione - senza andare a ricordare quello che, sempre a scuola, ci dicevano sulla storia e sulla vita - vi suggeriamo di non "saltarla", immaginando chissà quale noia. Non si tratta di temi che hanno solamente un valore storico, relegato nel tempo; li abbiamo proposti perché conservano tuttora un forte collegamento con la realtà attuale della finanza.

Attraverso questi "racconti" è possibile comprendere meglio la natura, il ruolo e la funzione di strumenti che sono ancora attualissimi.

Chi avrebbe mai detto che i future hanno la loro origine nella notte dei tempi e venivano comunemente usati molti secoli fa? Ad esempio, nei primi anni del ‘600, in Olanda, c'è stato un vasto mercato di future su tulipani, e avevano caratteristiche e funzione molto simili a quelli attuali. E anche gli stessi rischi, tanto è vero che portarono, nel 1637, alla prima, importante, crisi finanziaria: la bolla dei tulipani.

Ma non c'è solamente la storia. Proseguendo nella sezione vi sono delle schede di approfondimento su varie tematiche finanziarie, che vengono trattate con un grado di analisi maggiore rispetto a quanto fatto nella sezione "Nozioni e strumenti". Chi non si accontenta delle informazioni base che abbiamo fornito in quella sezione può sfruttare, dedicando un po' più di attenzione, i contenuti che sono qui riportati, raggiungendo una conoscenza più completa dei vari argomenti.