Aggregatore Risorse

Le società quotate e l’intermediazione finanziaria nel primo semestre 2023

 

Bollettino statistico n. 24/2 - Intermediari - aprile 2024
 

L’intermediazione finanziaria nel 2023

A fine 2023 il controvalore degli strumenti finanziari detenuti presso intermediari italiani a fronte della prestazione di servizi di investimento e di gestione del risparmio risulta cresciuto del 22,8% rispetto al dato di fine 2022, in prevalenza per l’incremento di strumenti finanziari di tipo obbligazionario.

I volumi di attività relativi alla prestazione di servizi di investimento sono complessivamente cresciuti nel corso del 2023 (collocamento di strumenti finanziari +18,3%, negoziazione in conto proprio +3%, esecuzione ordini +23,4%, ricezione e trasmissione di ordini +7,9%). I premi lordi derivanti dal collocamento di prodotti assicurativi a prevalente contenuto finanziario distribuiti in Italia da intermediari italiani vigilati dalla Consob hanno registrato un calo (-35,1%), per la flessione dei premi relativi alla distribuzione di polizze unit linked (-34,3%).

A fine 2023, il patrimonio gestito da intermediari italiani risulta cresciuto rispetto alla fine del 2022 (+8,3%) per l’incremento di tutte le tipologie di gestione di patrimoni. In particolare, delle gestioni patrimoniali su base individuale (+7,6%) che rappresentano circa il 67,2% del totale, degli OICR aperti di diritto italiano (+9,8%), degli OICR aperti esteri collocati in Italia (+18,6%), degli OICR chiusi di diritto italiano (+7%) e dei fondi pensione e altre forme pensionistiche istituiti in Italia da società diverse da imprese di assicurazione (+13,8%).

Nel 2023 la raccolta netta degli OICR aperti di diritto italiano è stata positiva per circa 10,5 miliardi di euro, principalmente per i fondi di tipo obbligazionario (+25,1 miliardi di euro) che hanno più che compensato i rimborsi dei fondi azionari, bilanciati, flessibili, monetari e speculativi.

I dati contabili a fine 2023 delle SGR di diritto italiano presentano, in aggregato, un utile netto di oltre 1.491 milioni, con una riduzione di 77 milioni rispetto al 2022, dovuta in prevalenza all’aumento dei costi operativi (131 milioni di euro) e delle imposte (30 milioni di euro) che hanno superato l’aumento delle commissioni nette (50 milioni di euro) e del margine di intermediazione (24 milioni di euro). L’evidenza in parola, tuttavia, non è generalizzata ed è necessario considerare alcune differenze, posto che taluni gestori hanno incrementato i volumi gestiti e, conseguentemente, l’utile nel periodo di riferimento. Per le SIM italiane si registra un utile netto di 88,1 milioni di euro, in crescita di 40,8 milioni di euro rispetto al 2022, dovuto in prevalenza all’aumento delle commissioni attive (40,7 milioni di euro) e degli interessi attivi e proventi assimilati (25,7 milioni di euro) che hanno più che compensato l’aumento dei costi operativi (20,6 milioni di euro).

 

Il Report è stato curato da:
Gaetano N. Finiguerra (Coordinatore) - CONSOB, Divisione Studi (g.finiguerra@consob.it)
Emilio Ciccone - CONSOB, Divisione Studi (e.ciccone@consob.it)
Simona Di Rocco - CONSOB, Divisione Studi (s.dirocco@consob.it)

Si ringraziano Matteo Modena  - CONSOB, Divisione Studi (m.modena@consob.it) e
Renato Grasso (coordinatore) - CONSOB, Divisione Studi (r.grasso@consob.it)
 

Segreteria di redazione: Andrea Cianciullo

Per eventuali informazioni e chiarimenti scrivere a: Ufficio.Statistiche@consob.it

 

Testo integrale [formato PDF]

 

ISSN 2281-3101 [online]