Newsletter


Notiziario settimanale - anno XXVI - N° 41 - 16 novembre 2020

Le notizie della settimana:
- > Servizi finanziari abusivi: Consob oscura 7 siti abusivi
- > Brexit - Avviso ai clienti di imprese di investimento e banche con sede nel Regno Unito e operative in Italia
- > Brexit - Scadenza del periodo di transizione previsto nell’accordo di recesso del Regno Unito dall’Ue: richiamo di attenzione agli intermediari
- > Brexit - L’Esma aggiorna le Q&A relative a regolamento prospetto, direttiva transparency e dichiarazioni sul reporting
- > Risk dashboard Esma
- > Ciclo di seminari online "Securities Markets: Trends, Risks and Policies"
- > Comunicazioni a tutela dei risparmiatori di altre autorità di vigilanza

Le decisioni della Commissione assunte nel corso della settimana

Le determinazioni dirigenziali assunte nel corso della settimana

Avvertenza: i provvedimenti adottati dalla Consob sono pubblicati nel Bollettino dell'Istituto e, quando previsto, anche nella Gazzetta Ufficiale. Le notizie riportate in questo notiziario rappresentano una sintesi dei provvedimenti di maggiore e più generale rilevanza e pertanto la loro diffusione ha il solo scopo di informare sull'attività della Commissione.

- LE NOTIZIE DELLA SETTIMANA -

Consob ha ordinato l'oscuramento di 7 nuovi siti web che offrono abusivamente servizi finanziari/prodotti finanziari: 5 siti di intermediazione finanziaria abusiva e 2 siti mediante i quali viene svolta un’offerta di prodotti finanziari in mancanza di prospetto informativo.

L’autorità si è avvalsa dei poteri derivanti dal "decreto crescita" (legge n. 58 del 28 giugno 2019, articolo 36, comma 2-terdecies), relativamente all’oscuramento dei siti degli intermediari finanziari abusivi, nonché del potere introdotto dalla legge n. 8 del 28 febbraio 2020 (articolo 4, comma 3-bis), riguardo all’oscuramento del sito mediante il quale è posta in essere l’offerta abusiva.

Di seguito i siti per i quali la Consob ha disposto l’oscuramento:

  • "Pro Star" (sito internet www.golden-cfd.com);
  • "European Trade 24" e "Allegra TM" (sito internet www.eutrade24.com);
  • Maginito Services Ltd e NBG Market (KI) Limited (sito internet www.nbgmarket.com);
  • "Mistertrader" e "Redfin Capital" (siti internet https://imrtrader.com e www.redfin.capital);
  • Arbistar 2.0, S.L. (siti internet arbistar.com e app.arbistar.com).

Sale, così, a 330 il numero dei siti complessivamente oscurati dalla Consob a partire da luglio 2019, da quando l’autorità è stata dotata del potere di ordinare l’oscuramento dei siti web degli intermediari finanziari abusivi.

I provvedimenti adottati dalla Consob sono consultabili sul sito www.consob.it. Sono in corso le attività di oscuramento dei siti da parte dei fornitori di connettività a internet che operano sul territorio italiano. Per motivi tecnici l’oscuramento effettivo potrà richiedere alcuni giorni.

La Consob richiama l’attenzione dei risparmiatori sull’importanza di usare la massima diligenza al fine di effettuare in piena consapevolezza le scelte di investimento, adottando comportamenti di comune buon senso, imprescindibili per salvaguardare il proprio risparmio: tra questi, la verifica preventiva, per i siti che offrono servizi finanziari, che l’operatore tramite cui si investe sia autorizzato e, per le offerte di prodotti finanziari, che sia stato pubblicato il prospetto informativo.

A tal fine Consob ricorda che sul sito www.consob.it è presente in homepage la sezione "Occhio alle truffe!", dove sono disponibili informazioni utili a mettere in guardia l’investitore contro le iniziative finanziarie abusive.

* * *

Consob ha altresì sospeso, ai sensi dell’articolo 99, comma 1, lettera b), del Tuf, in via cautelare, per un periodo di 90 giorni, l’attività di offerta al pubblico residente in Italia posta in essere da Arbistar 2.0, Sl tramite i siti internet https://arbistar.com e https://app.arbistar.com (delibera n. 21583 dell’11 novembre 2020).

torna al sommario

Dal 1° gennaio 2021, per effetto dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea (Ue), le imprese di investimento e le banche inglesi potranno continuare a prestare servizi e attività di investimento in Italia solo se autorizzate, rispettivamente, dalla Consob e dalla Banca d’Italia come imprese di paesi terzi.

In mancanza delle prescritte autorizzazioni, gli intermediari britannici dovranno aver cessato la propria operatività in Italia o trasferito l’attività ad altri intermediari autorizzati entro il 31 dicembre 2020.

La Consob aggiornerà conseguentemente l’elenco delle imprese di investimento dell’Ue e di quelle dei paesi extra Ue abilitate a operare in Italia dal 1° gennaio 2021, fornendo inoltre adeguata evidenza nell’apposita sezione del proprio sito istituzionale (http://www.consob.it/web/area-pubblica/imprese-di-investimento) delle imprese del Regno Unito non più autorizzate a offrire servizi alla clientela italiana.

I prestatori di servizi di investimento del Regno Unito sono stati richiamati – sia dall’Esma sia dalla Consob – a fornire ai clienti, con tempestività, informazioni appropriate in merito alle conseguenze della Brexit sulle relazioni contrattuali in essere.

In considerazione dell’approssimarsi della scadenza del 31 dicembre, i clienti degli intermediari britannici sono invitati a verificare di aver ricevuto informazioni adeguate e complete. In caso contrario è importante prendere al più presto contatti con gli stessi intermediari per ottenere chiarimenti sui rapporti in essere e sui diritti della clientela; i contatti degli intermediari possono essere reperiti anche sul sito dell’autorità competente per il Regno Unito, la Financial Conduct Authority (https://register.fca.org.uk/s/).

La clientela interessata a recedere dal contratto o a trasferirlo presso un altro intermediario autorizzato a operare in Italia, è invitata ad attivarsi tempestivamente, nel rispetto delle previsioni di legge e contrattuali (che possono prevedere modalità particolari di esercizio dei diritti dei clienti), per evitare possibili disguidi legati alla prevedibile concentrazione di richieste in prossimità del 31 dicembre.

Per le banche che prestano servizi e attività di investimento, si invita a consultare anche il sito della Banca d’Italia: https://www.bancaditalia.it/compiti/stabilita-finanziaria/informazioni-brexit/index.html.

torna al sommario

La Commissione rammenta alle imprese di investimento britanniche che prestano servizi e attività di investimento in Italia e alla relativa clientela che il 31 dicembre 2020 terminerà il "periodo di transizione" (Richiamo di attenzione n. 10/20 del 12 novembre 2020).

Facendo seguito a quanto rappresentato con Comunicazione del 23 luglio 2020 (http://www.consob.it/documents/46180/46181/c20200723_08_en.pdf/de9674a2-1246-41c5-80fd-d3449750743f), si richiama nuovamente l’attenzione delle imprese di investimento britanniche sulla circostanza che potranno continuare a operare in Italia dal 1° gennaio 2021 solo quelle che avranno ottenuto l’autorizzazione entro il 31 dicembre 2020.

Un’impresa di investimento che inoltri l’istanza di autorizzazione o che riscontri le richieste istruttorie con tempi incompatibili con quelli necessari per un compiuto esame da parte della Consob e per il rilascio del previsto parere da parte della Banca d’Italia incorrerà nel rischio che l’autorizzazione non possa essere concessa entro il 31 dicembre 2020. In tale eventualità, l’impresa dovrà interrompere l’attività dal 1° gennaio 2021 e adottare in tempo utile le iniziative conseguenti, anche nei confronti della clientela.

Gli intermediari britannici dovranno in ogni caso fornire alla clientela italiana informazioni aggiornate, alla luce delle determinazioni assunte in merito alla prosecuzione o meno dell’attività in Italia, ivi incluse le conseguenze sui rapporti in essere.

torna al sommario

In previsione della fine, il 31 dicembre 2020, del periodo di transizione tra Unione europea e Regno Unito relativo alla Brexit, l’Esma, l’autorità di regolamentazione e vigilanza sui mercati finanziari europei, ha pubblicato lo scorso 9 novembre l’aggiornamento di tre Q&A già pubblicate – relative all'applicazione del regolamento prospetto e della direttiva transparency – e riferite all’ipotesi di un recesso senza accordo (no deal) del Regno Unito dalla Ue.

Le Q&A aggiornate, che hanno lo scopo di promuovere approcci e pratiche comuni di vigilanza tra le autorità competenti della Ue, tengono conto del recesso nel frattempo intervenuto, del periodo di transizione, nonché della circostanza che dal 1° gennaio 2021 la normativa Ue non sarà più applicabile al Regno Unito.

L’autorità europea ha inoltre pubblicato l’aggiornamento di tre ulteriori Q&A sul prospetto riguardanti le modalità di applicazione della soglia del 20% per l’esenzione dall’obbligo di prospetto prevista dall’articolo 1(5)(a) del regolamento prospetto, le rettifiche della base di calcolo di tale soglia nel caso di operazioni determinanti modifiche del numero di azioni in circolazione e l’applicazione della definizione di "previsioni di utili" al fine di adeguare i riferimenti normativi al regolamento prospetto.

L’Esma ha di recente pubblicato una dichiarazione con riguardo all’esercizio di revisione delle Q&A già pubblicate ai sensi della direttiva prospetto.

Sono state inoltre aggiornate dall’Esma tre dichiarazioni (statements) sulle segnalazioni (reporting), originariamente previste in riferimento ad un’ipotesi di no deal Brexit, che riguardano i regolamenti Emir (European Market Infrastructure Regulation) e Sftr (Securities Financing Transactions Regulation), nonché il funzionamento delle banche dati e dei sistemi informativi dell’Esma stessa. Si tratta, in particolare, dei seguenti documenti:

(a) dichiarazione sulle segnalazioni Emir e Sftr – relativa a: segnalazioni, tenuta dei registri, riconciliazione, accesso ai dati, portabilità e aggregazione dei derivati ai sensi dell'articolo 9 della Emir nonché operazioni di finanziamento tramite titoli segnalate ai sensi dell'articolo 4 della regolamentazione Sftr;

(b) dichiarazione sull'utilizzo dei dati Uk nelle banche dati dell’Esma e sulle modalità di svolgimento dei calcoli Mifid II – relativi alle pubblicazioni Mifid II / Mifir effettuate sui vari database dell’Esma, nonché ai calcoli annuali delle attività accessorie;

(c) dichiarazione sul piano operativo dell'Esma in materia di dati - relativo alle attività concernenti i sistemi Firds, Fitrs, Dvcap, il transaction reporting nonché gli elenchi e i dati gestiti dall’Esma.

torna al sommario

L’Esma ha pubblicato lo scorso 11 novembre il suo secondo "cruscotto dei rischi" (risk dashboard)per il 2020.

Il documento evidenzia un persistente rischio di disallineamento (decoupling) tra valutazioni degli asse t e fondamentali economici nei mercati finanziari dell’Unione europea, a fronte di una ripresa dei corsi nel terzo trimestre del 2020, sia pure eterogenea tra settori e aree geografiche, e un deterioramento dei fondamentali legato alla crisi da Covid-19.

Secondo l’Esma è dunque rilevante il rischio di una correzione al ribasso. L’autorità mantiene quindi invariata la sua valutazione dei rischi, anche molto elevati, per i mercati europei, in funzione soprattutto degli elementi seguenti: l'impatto economico della pandemia Covid-19, le aspettative dei mercati sulle misure di sostegno monetario e fiscale e, infine, possibili eventi esterni in grado di incidere su un ambiente globale già fragile.

torna al sommario

Oggi 16 novembre alle 15.00 il prof. Raffaele Corvino (Università di Torino e CERP) presenterà uno studio dal titolo: "Hedging labor income risk over the life-cycle".

Il webinar è il secondo di un ciclo di 10 seminari organizzati da Consob, Esma e Università Bocconi, attraverso il centro di ricerca Baffi – Carefin, sui seguenti temi: microstruttura del mercato; post-trading ed efficienza del mercato; corporate governance e sostenibilità; tutela degli investitori e innovazione finanziaria. Interviene la prof.ssa Elsa Fornero (Università di Torino e CERP) e ne discute la prof.ssa Henriette Praast (Tilburg University); apre i lavori il Commissario Consob Carmine Di Noia.

torna al sommario

Le autorità di vigilanza di Regno Unito (Financial Conduct Authority - Fca), Spagna (Comisión Nacional del Mercado de Valores - Cnmv), Svizzera (Swiss Financial Market Supervisory Authority – Finma), Lussemburgo (Commission de Surveillance du Secteur Financier - Cssf), Hong Kong (Securities and Futures Commission - Sfc), Austria (Financial Market Authority - Fma), Belgio (Financial Services and Markets Authority - Fsma), Nuova Zelanda (Financial Markets Authority - Fma - New Zealand) e Portogallo (Comissão do Mercado de Valores Mobiliários - Cmvm), segnalano le società e i siti web che stanno offrendo servizi di investimento, finanziari bancari e assicurativi senza le previste autorizzazioni.

Segnalate dalla Fca:

  • Mortgage Audits (www.mortgageaudit.co.uk);
  • Charleston Corporate Partners (www.charlestoncorporatepartners.com);
  • Lane Capital Group (www.lanecapitalgrp.com);
  • UkPropertyInvestorhub.com (www.ukpropertyinvestorhub.com);
  • UK Bond Advisory (www.ukbondadvisory.com; uk-bondadvisory.com);
  • Uk Income Isas (www.incomeisas.co.uk);
  • Topwealthinvestments.com (www.topwealthinvestments.com);
  • Bigstonemax (www.bigstonemax.com);
  • Ukbondcompany.com (http://Ukbondcompany.com);
  • RMItrade (www.rmitrade.com);
  • Coolbaugh Securities (www.coolbaughsecurities.com);
  • Best Overseas Property Investments (www.bestoverseaspropertyinvestments.com);
  • Sovereign Resources (www.sovereign-resources.com);
  • Morgan-Kingston International Consultancy LLC (www.morgan-kingstonintlconsultancyllc.com);
  • Best Bond Finder (www.bestbondfinder.com);
  • Search Investment Guides (www.searchinvestmentguides.com);
  • Topukpropertybonds.co.uk (www.topukpropertybonds.co.uk);
  • Top Wealth Bonds (Topwealthbonds.com);
  • Get.betterbondrate.co.uk (www. get.betterbondrate.co.uk);
  • Broker Unity / Brokerunity / Kode Tech Solutions LTD (https://brokerunity.com);
  • Aussie Trust (https://aussietrust.com);
  • UK Bonds Trust (www.ukbondstrust.com, www.uk-bondstrust.com);
  • The Bond Finder (www.thebondfinder.com);
  • KM Asset Holdings (email: account@kmassetholding.co.uk);
  • Bitrend (https://www.bitrend.io);
  • Compare investment options (www.compareinvestmentoptions.com);
  • IFSL Group (https://www.ifslgroup.com);
  • Investec Plc / Investec Asset Management (email:lewis.forbes@investecfixedincome.com, bondoffer@investecplc.com, apply@investecplc.com), clone di società autorizzata;
  • Redmaine Cooper Price (www.redmainecooperprice.co.uk), clone di società autorizzata;
  • BDS London (https://www.bds-london.co.uk), clone di società autorizzata;
  • Standard Life Aberdeen (www.standardlife-uk.com), clone di società autorizzata;
  • RBC Capital Markets / RBC Investor & Treasury Services / RBC Financial Group (www.standardlife-uk.com) clone di società autorizzata;
  • Catalysts Partners Africa Limited (https://catalysts-africa.com), clone di società autorizzata;
  • Integral Fund / Integral Asset Management Ltd (www.integralassetmanagement.co.uk; www.integralfund.co.uk; https://integralfund.co.uk/ru), clone di società autorizzata,
  • Live Forex Times (www.livefxtm.com), clone di società autorizzata;
  • Atlas Global Recovery Solutions (https://atlasglobalrecoverysolutions.com).

Segnalate dalla Cnmv:

  • Eurizon Capital Spain (https://eurizoncapitalspain.com), clone di società autorizzata;
  • The Far Limited (www.thefarlimited.com);
  • Laino Group Limited / Exchange Cloud, Srl (www.bdvmarkets.com);
  • Kripto (https://kripto.mx);
  • Bitrane (https://bitrane.com);
  • Xifralifestyle (www.xifralifestyle.com; https://myxifralifestyle.com);
  • Rehoboth Ltd (https://es.ubanker.com);
  • Trade Time / Capital Process Ltd (www.tradetime.com);
  • Tontine Investment (https://tontineinvestment.org);
  • Global Wealth Investment Limited (https://globalwealthinvestment.com);
  • Crypto Limited (https://cryptolimited.net);
  • Red Fin Stocks / Plan Bit Global Ltd / Plan Bit Tech Ltd (https://redfinstocks.com/es);
  • Sky Capital (https://skycapital.cc/es);
  • Lone Robot Ltd (https://lonerobot.ltd);
  • Puma Broker / Taboo Capital Llc (https://pumabroker.com/?lang=es);
  • Premier Fxt / Lemarilo Trade (https://premierfxt.com);
  • Fxt Premier / Lemarilo Trade (https://fxtpremier.com);
  • Premier Fx Trade (https://premierfxtrade.com);
  • My Central Investments Llc (https://mycentralinvestments.com, https://centralinvestments.us);
  • Fx Live Limited (https://362liveoption.com);
  • Wave Makers Ltd (www.iqcent.com/es);
  • Paying Invest Llc (www.payinginvest.com);
  • Fx Plus (https://fxplus.co);
  • Forex Liberty (https://forexliberty.com.mx);
  • Fx24options Ltd (https://fx24options.org);
  • Cruxinv (https://cruxinv.com/es), clone di società autorizzata;
  • Crux24 (https://crux24.com/es), clone di società autorizzata;
  • Mitz Holdings Ltd / Widdershins Group Ltd (https://finlay.io/es);
  • Enevis Limited (Https://Enevislimited.com);
  • Empirex Capital (https://empirexcapital.com);
  • B2trades (https://b2trades.com);
  • Astrica Ltd (https://elite-market.com, www.market4fx.com);
  • Wineshtock Trading Ltd (https://finschool.co);
  • Beforex Capital / The Capital Holdings Funds (https://beforexcapital.com);
  • Alpari International / Exinity Limited (www.alpari.org/es);
  • Elite Fx Ltd (https://elitefxltd.club);
  • https://www.octagontrade.com/es;
  • Cryptoarb (https://cryptoarb.io/es);
  • Golden Dawn (It) (Https://Www.Ctxholdings.Com);
  • https://alphainvestmentspty.ltd.

Segnalata dalla Finma:

  • iCapital Consultants / I Capital Limited (https://icap-consultants.com).

Segnalate dalla Cssf:

  • Presidio Investments Limited (www.presidioinvestmentsltd.com);
  • Deutsche Investment Loans - Deutsche Financial Investment, clone di intermediario bancario autorizzato;
  • Tan Allen Piguet Asset Management (www.tapam.com);
  • CoinglobeFX Ltd (CoinglobeFX Ltd).

Segnalate dalla Sfc:

  • https://everbright-sun-hung-kai-ebshk-direct.business.site, clone di società autorizzata;
  • 廣東省深圳市羅福區京基100五十六樓, solo nome cinese (https://haitongcaifu8.com).

Segnalate dalla Fma (Austria):

  • Triton Partnership Ltd (https://lcoinmarket.com);
  • Stanton Wade (https://stantonwade.com);
  • XTRGate or South Bay Holdings Ltd (www.xtrgate.com);
  • Prime Funder (www.primefunder.co);
  • MonaCoins.co (www.monacoins.co);
  • Kolusha OU / FMR International OU ("Barons VC") (www.baronsvc.com);
  • Prime-InvestFX / Prime-InvestFX Ltd (www.primeinvest-fx24.com).

Segnalate dalla Fsma:

  • Sotafin (www.sotafin.online and www.sotafin.be);
  • Milecljk Bank (www.milecljk.com);
  • Krediet S.A. (www.kredietsa.be);
  • FNP Diensten (www.fnp-diensten.com);
  • Eeden Lening (www.eeden-lening.com);
  • Easy Loans / Allinone Loans (www.allinone-loans.com);
  • Dringende Lening (email: infos@dringendelening.com, associesgiuriani@dringendelening.com).

Segnalata dalla Fma (New Zealand):

  • Carrera Corporation Ltd (www.carreracorporationltd.com).

Segnalata dalla Cmvm:

  • AnyTrades(https://any-trades.com, https://anytrades.com).

torna al sommario

LE DECISIONI DELLA COMMISSIONE ASSUNTE O RESE PUBBLICHE NEL CORSO DELLA SETTIMANA
(i documenti immediatamente disponibili nel sito sono evidenziati tramite link; gli altri provvedimenti saranno disponibili nei prossimi giorni)

Brexit
Contrasto all'abusivismo (art. 7-octies Tuf)

torna al sommario

LE DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI ASSUNTE O RESE PUBBLICHE NEL CORSO DELLA SETTIMANA
(i documenti immediatamente disponibili nel sito sono evidenziati tramite link; gli altri provvedimenti saranno disponibili nei prossimi giorni)

Quote per l'elezione degli organi di amministrazione e controllo
  • Il Responsabile della Divisione Corporate Governance della Consob, sulla base delle previsioni dell’articolo 147-ter del d.lgs. n. 58/1998 (Testo unico della finanza - Tuf) e degli articoli 144-ter e seguenti del Regolamento emittenti, ha determinato la quota minima di partecipazione per la presentazione delle liste dei candidati per l’elezione degli organi di amministrazione e controllo della società I Grandi Viaggi Spa, il cui esercizio sociale si è chiuso il 31 ottobre 2020. Fatta salva l’eventuale minor quota prevista dallo statuto della società, la soglia è stata individuata al 2,5%. Il testo integrale della determinazione dirigenziale (n. 41 dell'11 novembre 2020) è disponibile sul sito internet www.consob.it, corredata dalla tabella con l’indicazione dei criteri utilizzati per la determinazione della quota di partecipazione.

torna al sommario

CONSOB INFORMA (Reg. al Trib. di Roma n. 250 del 30/10/2013) - Direttore responsabile: Manlio Pisu - Comitato di redazione: Antonella Nibaldi (coordinatrice), Claudia Amadio, Riccardo Carriero, Luca Cecchini, Laura Ferri, Chiara Tomaiuoli, Alfredo Gloria - Direzione e redazione: CONSOB Via G. B. Martini, 3 - 00198 Roma - telefono: (06) 84771 - fax: (06) 8417707. E' possibile inviare documenti o segnalazioni alla redazione utilizzando l'Area interattiva del sito www.consob.it dove per altro CONSOB INFORMA è consultabile al link "Area pubblica/pubblicazioni/newsletter".