Servizi finanziari abusivi: Consob oscura 7 nuovi siti web (comunicato stampa del 30 gennaio 2020)

Servizi finanziari abusivi: Consob oscura 7 nuovi siti web

Consob ha ordinato l'oscuramento di 7 nuovi siti web che offrono abusivamente servizi finanziari

L'autorità si è avvalsa dei poteri derivanti dal "decreto crescita" (legge n. 58 del 28 giugno 2019, articolo 36, comma 2-terdecies), in base ai quali Consob può ordinare ai fornitori di servizi di connettività a internet di inibire l'accesso dall'Italia ai siti web tramite cui vengono offerti servizi finanziari senza la dovuta autorizzazione.

Di seguito l'elenco delle società e dei siti:

  • ForTradersFX Ltd (www.fortradersfx.com);
  • Gembell Limited Services – PO TRADE LTD – Tifiya Group s.r.o. (www.pocketoption.com);
  • FAH Investment LTD (www.web.cryptozone24.com);
  • Muller Enterprise Ltd (www.aurumpro.co, https://aurumprofin.cc e https://aurum-pro-finance.cc);
  • FSM Smart Ltd (www.fsmsmarts.com).

Sale così a 131 il numero dei siti oscurati da luglio scorso, da quando cioè Consob ha acquisito il potere di ordinare l'oscuramento dei siti.

I provvedimenti con i quali è stato ordinato alle suddette società la cessazione dell'attività abusiva sono consultabili sul sito www.consob.it.

Sono in corso le attività di oscuramento dei siti da parte dei fornitori di connettività a internet, che operano sul mercato italiano. Per motivi tecnici l'oscuramento effettivo potrà richiedere alcuni giorni.

La Consob richiama l'attenzione dei risparmiatori sull'importanza di prestare la massima attenzione al fine di effettuare in piena consapevolezza le scelte di investimento, focalizzandosi su quei comportamenti di comune buon senso – come ad esempio  verificare che l'operatore con cui si investe sia autorizzato - che sono imprescindibili, se si vuole davvero salvaguardare e, magari, far fruttare il proprio risparmio. A tal fine Consob ricorda che sul sito  www.consob.it è presente in homepage la sezione "Occhio alle truffe!", dove sono presenti informazioni utili a mettere in guardia l'investitore contro gli operatori abusivi.

Comunicato stampa in PDF

30 gen 2020