L'INDIVIDUAZIONE DI FENOMENI DI ABUSO DI MERCATO NEI MERCATI FINANZIARI

 

L'individuazione di fenomeni di abuso di mercato nei mercati finanziari: un approccio quantitativo

M. Minenna

N. 54 - maggio 2003 [formato PDF] 
 

Sintesi
In tutti i Paesi in cui esiste una normativa sui fenomeni di abuso di mercato, vale a dire manipolazione e insider trading, la repressione degli stessi è affidata alla Autorità di Vigilanza e alla Autorità Giudiziaria con competenze che variano in relazione alle diverse legislazioni. La definizione di una procedura che consenta l'individuazione in tempo reale di fenomeni di abuso di mercato nei mercati finanziari rappresenta una esigenza fortemente avvertita da parte delle Autorità di Vigilanza dei mercati finanziari. Una procedura per l'individuazione di abusi di mercato consiste fondamentalmente nell'analisi delle transazioni effettuate sul mercato da diversi agenti al fine di individuare delle anomalie che potrebbero essere sintomatiche di fenomeni di abuso di mercato. L'obiettivo di questo lavoro è di sviluppare, con l'ausilio della teoria della probabilità, una metodologia che permetta di individuare i fenomeni di abuso di mercato in maniera più efficace. 
 

Autori
Marcello Minenna - CONSOB, Divisione Intermediari (m.minenna@consob.it)

 

L'autore desidera ringraziare Emilio Barucci (Università di Pisa) per l'insostituibile supporto offerto nella ricerca e nell'analisi della bibliografia nonché per i proficui commenti e suggerimenti relativi allo sviluppo della modellistica quantitativa sottesa alla procedura per l'individuazione di abusi di mercato. Inoltre, ringrazia: Veronica Faralli (CORIPE) e Maddalena Lenzi (Consob) per la continua ri-elaborazione dei dati in relazione alle diverse soluzioni quantitative approntate funzionale alla calibrazione della procedura per l'individuazione degli abusi di mercato, Luca Doveri (CORIPE) e Enrico Maria Scurati per le analisi necessarie allo sviluppo degli indicatori sulla concentrazione di mercato, Giovanni Portioli, Paola Deriu e Carlo Milia (Consob) per la raccolta dei dati e delle informazioni che hanno consentito la verifica empirica della procedura.

Un ulteriore sentito ringraziamento a Luigi Spaventa, Claudio Salini (Consob) e Francesco Tuccari per aver stimolato lo sviluppo di questa procedura nella convinzione che l'analisi quantitativa possa concretamente supportare l'attività di vigilanza. Per gli sviluppi matematici riportati nell'appendice A, l'autore ringrazia per i validi suggerimenti offerti Mavira Mancino (Università di Firenze) con riferimento alla sezione A2 ed Ennio Arlandi (FINARM) per la sezione A1.

 

Parole chiave: insider trading, manipolazione di mercato, abnormal return, individuazione di abusi di mercato, allertatore, processo diffusivo.

ISSN 2281-1915 [online]