Come gestiamo le segnalazioni

Una volta ricevuta la segnalazione, la CONSOB tramite personale addetto al trattamento delle segnalazioni e secondo modalità volte a garantire la riservatezza delle stesse che non consentono l'accesso a personale non autorizzato:

  • verifica, ove possibile, la sussistenza dei presupposti per la qualificazione della segnalazione come "whistleblowing" o esposto "qualificato";
  • ove non si riscontrano i requisiti soggettivi o oggetti richiesti, la segnalazione è riclassificata come  esposto "ordinario";

La "rilevanza" della segnalazione, ossia la sua utilità ai fini di vigilanza, è accertata attraverso la valutazione dei seguenti elementi:

  • esponente: la natura della fonte della segnalazione;
  • contenuto: l'attinenza e la precisione dei fatti descritti;
  • danno: la rilevanza e la portata delle irregolarità denunciate;
  • contesto di riferimento: il livello di attenzione interna (es. altre istruttorie) ed esterna (es. da parte di autorità giudiziaria e/o organi di informazione) verso i fatti descritti e/o le irregolarità denunciate.

In base a tale classificazione, le segnalazioni sono utilizzate all'interno di eventuali istruttorie già in corso o ai fini dell'adozione di nuovi interventi di vigilanza entro i limiti delle competenze della CONSOB.

In ogni caso la CONSOB può chiedere alla persona segnalante di chiarire le informazioni fornite o di fornire ulteriori informazioni di cui egli sia a conoscenza, con le modalità dalla stessa indicate.