Giuseppe Vegas
 

Presidente della Commissione Nazionale per le Società e la Borsa
(nominato con DPR del 15 dicembre 2010 ed in carica per sette anni).

Membro del Comitato di gestione (Management Board), organo esecutivo dell'Esma (European Securities and Markets Authority).

Presidente della Mediterranean Partnership of Securities Regulators.

Nato a Milano il 16 giugno 1951. Laureato in giurisprudenza.

Dal 1978 Consigliere parlamentare del Senato della Repubblica, è giornalista pubblicista e professore universitario a contratto.

E' stato nominato per la prima volta Sottosegretario di Stato nel Governo Dini (1995), prima alle Finanze e poi al Tesoro e, successivamente, nei Governi Berlusconi, Sottosegretario di Stato all'Economia e alle Finanze nel 2001 e 2008.

Vice Ministro dell'Economia e delle Finanze dal 2005 al 2006 e dal 2009 al 2010.

Dal 1996 al 2010 è stato parlamentare: prima Senatore e, dal 2008, Deputato.

Si è sempre occupato di finanza pubblica e in particolare delle manovre finanziarie e di bilancio, sino alla recente riforma della contabilità pubblica, alla cui stesura ha attivamente partecipato.

Autore di numerose pubblicazioni in materia giuridica ed economica, di carattere scientifico e didattico, tra le quali: "Spesa pubblica e confessioni religiose" (1990); "Il bilancio dello Stato" (con D. Da Empoli e P. De Ioanna, 1988, 1995, 2000 e 2005); "Cittadino, economia e Stato" (con A. Pescosolido, 2000, 2001 e 2003); "Il bilancio pubblico" (2014).

 
    Compensi    
 

 

    Dichiarazioni reddituali e patrimoniali    
   
    Altre cariche, presso enti pubblici o privati, e relativi compensi a qualsiasi titolo corrisposti   
 

Ai sensi dell'art. 1/1, comma 5, l. 7 giugno 1974, n. 216, Il presidente e i membri della Commissione non possono esercitare, a pena di decadenza dall'ufficio, alcuna attività professionale, neppure di consulenza, né essere amministratori, ovvero soci a responsabilità illimitata, di società commerciali, sindaci revisori o dipendenti di imprese commerciali o di enti pubblici o privati, né ricoprire altri uffici pubblici di qualsiasi natura, né essere imprenditori commerciali. Per tutta la durata del mandato i dipendenti statali sono collocati fuori ruolo e i dipendenti di enti pubblici sono collocati d'ufficio in aspettativa. Il rapporto di lavoro dei dipendenti privati è sospeso ed i dipendenti stessi hanno diritto alla conservazione del posto. In base all'art. 29-bis, legge 23 dicembre 2005 n. 262, essi nei due anni successivi alla cessazione dell'incarico, non possono intrattenere, direttamente o indirettamente, rapporti di collaborazione, di consulenza o di impiego con i soggetti regolati né con società controllate da questi ultimi.